Innovazione

Vuoi fermare il cracker? Semplice: offrigli un lavoro!

Meglio assumere i pirati!

In un tema annoso come la protezione della proprietà intellettuale, i videogiochi sono sempre stati uno dei fronti più caldi. Ci siamo abituati a vedere le grandi case produttrici adottare le linee più intransigenti, spesso colpendo i propri clienti migliori anziché i cracker (da non confendersi con gli hacker, leggi qui il motivo).

L'ultimo fardello che ha gravato specialmente su chi ama giocare sul proprio portatile, ma non ha sempre a disposizione una connessione a internet, è la politica DRM sempre-on-line, grazie a cui riuscire a utilizzare i giochi che abbiamo comprato somiglia sempre più a una corsa ad ostacoli, più che un divertimento per staccare un po'.

Per fortuna non tutti gli operatori del settore la pensano così. In una recente intervista a CVG, il creatore di Just Cause (in uscita il secondo capitolo) Christofer Sundberg della svedese Avalanche studios ha espresso le sue perplessità a riguardo, proponendo un approccio diverso, più inclusivo e conciliante nei confronti di chi, magari per gioco, magari per convinzione, si occupa di scardinare le protezioni dei videogiochi. L'idea è semplice: offrire loro la possibilità di lavorare per le aziende, facendo uso delle proprie considerevoli capacità non più nell'illegalità, ma alla luce del sole. Sundberg stesso confida che la metà delle persone con le quali lavora ogni giorno vengono da un ambiente hacker, da sempre molto vivace in Svezia.

Infine, un altro nodo centrale è la qualità dei videogames per PC, che devono essere concepiti appositamente per questa piattaforma e non come semplici porting da console. Ciò dovrebbe accompagnarsi a un'assistenza e a un supporto continuativo al gioco nel tempo, dichiara Sundberg, con continui aggiornamenti, un fruttuoso dialogo con i videogiocatori e maggiore attenzione alle maggiori possibilità di interazione fra gli utenti che il PC offre rispetto alla console. (ga)

I dieci giochi dai quali non riuscirai a staccarti:

28 marzo 2011 Raffaele Camoriano
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us