Innovazione

Volare negli States in soli 50 minuti? Sì, nel 2050!

Dal 2050 con un nuovo aereo supersonico

di
Ogni volta che vi tocca andare negli Stati Uniti o in Australia vi sale lo sconforto per tutte le ore di viaggio che vi attendono? Entro il 2050 potremmo arrivarci in poco più di un’ora grazie a un nuovo aereo supersonico in fase di progettazione in Germania.

"I nostalgici del Concorde dovranno pazientare ancora qualche anno..."

Verso l’infinito e oltre

Mach 24 - La tedesca German Aerospace Center è capofila di un progetto per realizzare un nuovo aereo supersonico, capace di coprire grandissime distanze in breve tempo. Il velivolo, chiamato SpaceLiner, volerebbe a un’altezza che varia tra i 75 e gli 80 chilometri dalla crosta terrestre, raggiungendo una velocità massima di 25 mila chilometri orari. Il Concorde, a cui abbiamo accennato poco prima, raggiungeva una velocità di poco superiore ai 2.000 km/h. Lo SpaceLiner, per raggiungere quelle altitudini e quelle velocità, decollerà attaccato a un razzo, per poi volare nello spazio suborbitale spinto da razzi a idrogeno e ossigeno liquido.

Lievitazione - Ma a lievitare non sarà solo l’aereo (certo, non si tratta di lievitazione, ma passateci il paragone). Anche i prezzi per il biglietto tenderanno a salire in maniera vertiginosa. Pensa che i biglietti non dovrebbero costare meno di qualche decina di migliaia di dollari per ognuno dei 50 passeggeri previsti nel primo prototipo in fase di studio. Ma Martin Sippel, project coordinator dello SpaceLiner, è fiducioso. Conta di trovare investitori privati pronti a scommettere sul progetto nel giro di qualche anno e di mandare in (sub)orbita il primo SpaceLiner entro il 2050. Ottimista. (sp)

Inizia a sognare l'erede del Concorde

29 gennaio 2013
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us