Innovazione

Véstiti e ti dirò come stai!

Sempre più elaborata la gamma dei tessuti super hi-tech: la nuova "linea" nata dal progetto europeo Biotex controllerà persino il sudore di chi li indossa. (Susanna Trave, 15 aprile 2008)

Per avere notizie sulla nostra salute, di solito, ci sentiamo dire "si spogli"? Bene, una delle frasi più comuni ed evocative di una visita medica potrebbe presto cadere in disgrazia, e tutto a causa di nuovissimi vestiti in grado di informarci su come stiamo. È quanto promettono alcuni ricercatori europei che lavorano al progetto Biotex, coordinato da Jean Luprano, dello Swiss Centre for Electronics and Microtechnology (Csem). Si tratta infatti di indumenti che non solamente misurano la temperatura corporea o tengono sotto controllo cuore e pressione, come già offrono gli accessori tecnici per l'abbigliamento sportivo: adesso gli scienziati sono riusciti a tessere stoffe che incorporano tutti questi biosensori ed altri ancora, capaci di fare al volo analisi sulla composizione del sudore e del sangue. Sensori miniaturizzati... e da una sola goccia di sudore possono fornire una valutazione precisa della salute di chi li indossa.

Abiti intelligenti. Secondo quanto prevede il progetto, i vari sensori sono programmati per mettersi in contatto con un medico qualora rilevassero che qualche cosa non va, oltre che per avvisarci con un messaggio telefonico. Come spiega lo stesso Luprano, uno dei punti di forza del progetto è stato lo sviluppo di un set di biosensori ionici capaci di misurare il sodio, il potassio e il cloruro nei campioni di sudore. Altre due sonde misurano la conducibilità del sudore e la sua acidità, mentre un immunosensore potrebbe rilevare la presenza di proteine specifiche. Le prime prove sul campo prevedono che gli abiti intelligenti vengano indossati da atleti e da soggetti obesi o diabetici. Quando poi la tecnologia sarà stata collaudata a dovere... si tratterà solamente di trovare lo stilista giusto.

21 aprile 2008
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us