Innovazione

Usa: farmaci insufficienti e i pazienti muoiono

Sono razionate 213 medicine e i pazienti continuano a morire.

La carenza di farmaci è sempre stato un problema, da condannare sotto ogni punto di vista, che riguardava i Paesi in via di sviluppo, soprattutto l'Africa, dove si può morire per una semplice dissenteria. Ultimamente, però, questa grave mancanza ha colpito gli Stati Uniti d'America, dove sono ben 213 le medicine che scarseggiano e sempre più pazienti perdono la vita.

Nell'era in cui si è assistito ai più grandi cambiamenti nel campo delle tecnologie, il problema dell'insufficienza dei farmaci dovrebbe essere risolto già da tempo, ma non è così. Trascurando la tragica situazione che vivono i Paesi del Terzo Mondo, fa specie che uno degli stati più potenti del mondo viva questo disagio in prima persona. Eppure è così e lo sanno bene persone come Brigham Robust, ragazzo malato di cancro passato a miglior vita dopo aver aspettato per settimane il farmaco di cui necessitava per combattere il linfoma. I medici si trovano costretti a dover razionare le medicine e stabilire una sorta di ordine di priorità: ne è consapevole anche un ragazzo di 15 anni al quale è stato asportato l'intestino ed assistito ogni giorno dalla madre, la quale trova sempre più difficoltà a reperire il gluconato di calcio, conservato per i bimbi nati prematuri, per la flebo del figlio, unica fonte di nutrizione.

Il problema più grosso riguarda i farmaci liquidi da iniettare: in primo luogo vengono prodotti solamente da 6 aziende, inoltre il grande rischio di venir contaminati porta ad abbandonare la produzione. Non solo problemi tecnici, ma anche tristemente economici: i margini di profitto sono scarsi e richiedono molto più tempo per essere prodotti rispetto alle pillole, sottolineando come la priorità venga data al bilancio piuttosto che agli esseri umani. (mf)

4 ottobre 2011 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us