Focus

Uomo ucciso da squalo... ma non è un film

Purtroppo non è un film.

squalokiller_170030
|

La scorsa settimana il sito internet Discovery News ha annunciato che sono stati ritrovati dei resti umani nello stomaco di uno squalo tigre. Le autorità hanno successivamente identificato la vittima: si trattava di Judson Newton, 43enne scomparso un mese fa alle Bahamas, nella Jaws Beach. La spiaggia è famosa per essere stata usata come set delle riprese del film Lo Squalo 4: La Vendetta, quarto capitolo della saga iniziata nel 1975 da Steven Spielberg.

 

Le autorità hanno usato le impronte digitali per identificare Newton, mentre sono in corso gli esami del DNA. L’uomo era conosciuto nella zona con il soprannome Scabbo (Granchio). Non è ancora la chiara la dinamica dei fatti, anche se Marie Levine, esperta del New Jersey Shark Research Institute ha dichiarato che: «Gli squali tigre è difficile che attacchino qualcuno vivo perché preferiscono evitare il combattimento».

 

D’altro canto un amico d’infanzia della vittima ha detto che è improbabile che Newton sia annegato, poiché era un buon nuotatore.

 

Il 29 agosto l’uomo era andato in gita in barca con alcuni amici a Jaws Beach, ma i superstiti hanno raccontato ai soccorritori che a causa di un’avaria al motore Newton e un amico hanno tentato di trainare la barca a nuoto, ma poi sono scomparsi. Il 5 settembre il banchiere Humphrey Simmons ha poi catturato uno squalo tigre che, mentre stavano tentando di liberarlo, ha rigurgitato un piede umano emanando una forte puzza.

 

Chissà se Spielberg si sarebbe immaginato che una cosa simile potesse accadere davvero.

 

17 settembre 2010 | Michela Santagostino