Innovazione

Lo spazioporto galleggiante per la Space X

Space X sta per lanciare un razzo che trasporterà un cargo destinato alla Stazione Spaziale Internazionale. Il primo stadio - invece di cadere in mare - atterrerà su una piattaforma galleggiante per essere riutilizzato in futuro. Un'impresa mai tentata finora che abbatterà notevolmente i costi dei lanci spaziali.

Space X sta per compiere un altro grande passo avanti nella sua corsa allo spazio: far tornare dallo spazio uno stadio del proprio razzo Falcon 9, facendolo atterrare su una piattaforma galleggiante.

La società è nota per aver già lanciato più volte alla Stazione Spaziale Internazionale la capsula Dragon, costruita insieme al razzo Falcon 9 nelle proprie officine. Tutti i lanci sono andati a buon fine. Ma Elon Musk, fondatore e presidente della società, non è ancora soddisfatto dei risultati. E se da un lato solo qualche settimana fa ha presentato la nuova capsula Dragon II, in grado di portare uomini nello spazio a partire dal 2018, dall’altro sta lavorando sul razzo vero e proprio per ridurre sempre più i costi. Un modo per abbattere i costi è riutilizzare più volte il primo stadio del razzo.

SPAZIOPORTO nell'OCEANO. Il primo stadio del Falcon 9 finisce di solito nell'oceano, ma da più anni Space X sta testando le tecnologie necessarie per il recupero e il riutilizzo del razzo. Durante l’ultimo volo di un Falcon 9, il primo stadio è stato fatto rallentare con una riaccensione dei propri motori fino a fermarsi in verticale proprio in prossimità delle onde dell’oceano, nel quale poi è affondato come da manuale.

Il prossimo lancio di una Dragon diretta alla stazione orbitante sarà a dicembnre 2014 e in quell'occasione verrà tentato l'atterraggio del primo stadio sulla piattaforma galleggiante. È stato lo stesso Musk a comunicarlo via twitter, con la foto della base di atterraggio galleggiante che tra qualche giorno verrà trascinata nel punto previsto per il ritorno del primo stadio.

Autonomous spaceport drone ship. Thrusters repurposed from deep sea oil rigs hold position within 3m even in a storm. pic.twitter.com/wJFOnGdt9w

— Elon Musk (@elonmusk) 22 Novembre 2014

La piattaforma è stata ottenuta dalla trasformazione di una piattaforma petrolifera che è in grado di rimanere perfettamente in orizzontale anche sul mare molto mosso.

Il terzo stadio del Falcon 9 è giù stato lanciato più volte e gatto tornare in modo controllato sulla terraferma.

LANCI SEMPRE PIù ECONOMICI. Va detto comunque che tale stadio non è stato costruito per essere riutilizzato e quindi verrà comunque abbandonato. Ma se Space X riuscirà nell’intento, presto i suoi lanci costeranno molto di meno rispetto a tutti i concorrenti.

Nel video qui sotto un volo di test e del relativo riatterraggio realizzato da Space X a giugno 2014. Il razzo è salito a 1000 metri di altitudine e poi è tornato a terra. E qui un precedente test.

25 novembre 2014 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us