Innovazione

Droni per studiare i ghiacciai alpini

Raggiungono angoli inaccessibili, scattano immagini in alta definizione e con dettagli più precisi dei satelliti: ecco i droni per la glaciologia.

Dopo l'esplorazione dei mari, quella delle alte quote: i droni volano sopra i ghiacciai a 2.400 metri di altitudine. Al freddo li ha portati un gruppo di ricercatori dell'Università di Milano-Bicocca per mettere a punto una nuova tecnica di monitoraggio, con l'obiettivo di controllare lo stato di salute dei ghiacciai e scoprire quanto ghiaccio fonde ogni estate. Ma non solo: gli scienziati vogliono usarli per studiare il fenomeno dei ghiacciai neri.

Quanto ghiaccio fonde? I ricercatori del Dipartimento di Scienze dell'Ambiente e del Territorio (DISAT) hanno fatto volare un drone quadricottero a 150 metri di altezza dalla superficie del ghiacciaio del Morteratsch, il più grande del massiccio del Bernina, in Svizzera. Il drone ha catturato immagini in sequenza rapidissima con cui sono stati costruiti modelli 3D del ghiacciaio molto dettagliati.

Da questi modelli si può osservare l'andamento stagionale del ghiacciaio, calcolando quanto ghiaccio fonde durante la "stagione di fusione", cioè il periodo in cui la neve stagionale scompare e il ghiaccio vivo è esposto alla luce diretta del Sole, più o meno tra luglio e settembre. Sul fronte del ghiacciaio del Morteratsch sono ben 5 i metri in lunghezza "persi" quest'estate, e fino a 6 metri in spessore, affermano i ricercatori.

I ghiacciai neri. I droni possono aiutare gli scienziati anche a scoprire qualcosa in più dei ghiacciai neri. Sui ghiacciai si depositano particelle di vario tipo che ne scuriscono la superficie, con un effetto collaterale: il ghiaccio più scuro si scioglie più velocemente perché l'effetto di riflessione è inferiore, ossia assorbe più radiazioni.

Con le immagini dei droni gli scienziati formuleranno delle mappe di scurimento del ghiaccio, per capire se le cause principali sono antropiche o naturali, e in che misura questo fenomeno contribuisce allo scioglimento dei ghiacci provocato dal cambiamento climatico.

Verso altre vette. Ora i glaciologi possono avere una visione più dettagliata che mai del ghiacciaio grazie ai droni, esploratori capaci di volare fino a 72 km/h e restare in quota per 20 minuti, raggiungendo angoli altrimenti difficili da monitorare. La speranza dei ricercatori del DISAT è di poterli usare in combinazione con i dati satellitari per tener d'occhio non solo il Morteratsch ma anche altri importanti ghiacciai alpini.

25 ottobre 2016 Simona Marra
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us