Innovazione

Un’auto può funzionare anche a idrogeno?

L’idrogeno è un gas infiammabile e, per le sue caratteristiche, può funzionare bene sia nei motori a benzina, sia nei motori diesel, perché brucia senza alcuna difficoltà qualunque sia il...

L’idrogeno è un gas infiammabile e, per le sue caratteristiche, può funzionare bene sia nei motori a benzina, sia nei motori diesel, perché brucia senza alcuna difficoltà qualunque sia il rapporto con l’aria nella miscela di carburazione. Alcune case automobilistiche (Mercedes, Mazda, Bmw) hanno già realizzato motori sperimentali alimentati a idrogeno. Non è stato ancora risolto in maniera del tutto soddisfacente il problema del trasporto e del serbatoio (nella foto). Per dare alla vettura una sufficiente autonomia, occorrerebbero bombole molto grandi perché a pressioni normali l’idrogeno occupa molto spazio. In queste condizioni, inoltre, esisterebbe un serio problema di sicurezza, perché il gas si infiamma immediatamente al semplice contatto con l’aria. Gli studi per risolvere il problema seguono due vie. La prima prevede il raffreddamento dell’idrogeno fino a 253 gradi sotto zero, perché in queste condizioni il suo volume si riduce di molto, ed è più facile la realizzazione di un serbatoio in grado di mantenerlo a lungo a questa temperatura. La seconda prevede il trasporto dell’idrogeno sotto forma di idruro, cioè combinato con metalli che prima lo assorbono e poi lo rilasciano lentamente. C’è, infine, un problema dei costi. Per avere quantità di idrogeno sufficienti bisognerebbe ricavarlo dall’acqua, ma le tecnologie di estrazione oggi esistenti richiedono grandi quantità di energia elettrica. Nonostante questi ostacoli, alcune case automobilistiche prevedono di mettere in commercio vetture a idrogeno dnel giro di qualche anno.

28 giugno 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us