Innovazione

Un'armata di droni contro le zanzare

Microsoft lavora a velivoli semiautomatici che monitorino la presenza di parassiti infetti nelle aree più remote del Pianeta. Per battere dengue e malaria sul tempo.

Project Premonition: non è il nome di un polpettone da Blockbuster, ma il titolo di un ambizioso progetto di Microsoft che punta sui droni per combattere l'animale più pericoloso per l'uomo: la zanzara.

Il colosso di Gates, attento al tema delle malattie endemiche ad alto tasso di mortalità, sta preparando una flotta di aeromobili a pilotaggio remoto (unmanned aerial vehicle, UAV) che possano monitorare i cieli delle aree più isolate del pianeta a caccia di zanzare portatrici di dengue e malaria, ma anche di altre malattie trasmesse da vettori.

Batterle sul tempo. L'obiettivo è individuare in modo tempestivo l'eventuale presenza di pericolosi parassiti prima che questi possano infettare l'uomo. Ed evitare che epidemie difficili da debellare siano scoperte solo quando i primi pazienti colpiti iniziano a manifestare sintomi evidenti.

I tempi. Per sviluppare droni con queste capacità serviranno alcuni anni. Uno studio di fattibilità del progetto è stato condotto a Grenada (Caraibi) a marzo e presentato qualche giorno fa alla Microsoft Innovation TechFair a Washington DC.

Il prototipo di una delle trappole pensate per il progetto: è una sorta di laboratorio portatile. © Project Premonition

In rete. Parte dell'iniziativa consiste nello studio di trappole per zanzare all'avanguardia, che grazie a particolari sensori catturino solo questi insetti - e non uno sciame di altre creature volanti da cui poi dover estrarre le zanzare - e che analizzino i campioni confrontandoli con un ampio database di informazioni raccolte in una "cloud".

Un balzo in avanti. I droni potrebbero trasportare in modo semiautomatico queste trappole su ampie aree da monitorare, con grande vantaggio degli operatori impegnati sul campo, che oggi devono affidarsi a trappole fissate agli alberi con batterie molto costose e pesanti e sostanze chimiche pericolose e difficili da trasportare in loco.

Se decollasse (come un drone) il progetto potrebbe davvero offrire una svolta tecnologica in un settore di sicuro interesse pubblico. La compagnia sta ora cercando partner accademici per poter sviluppare Project Premonition entro i prossimi cinque anni.

18 giugno 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us