Innovazione

Una dieta a base di carne danneggia l'ambiente

E' necessario ridurre l'impatto ambientale americano.

In funzione di salvaguardare il pianeta dal collasso, ogni giorno migliaia di ricercatori studiano nuove tecnologie eco-friendly in ogni campo di sviluppo. Dal Bard College di New York, il professor Gidon Eschel avverte che un consumo eccessivo di carne, come ad esempio avviene oltreoceano ma non quì in Europa, può avere ripercussioni negative sull'ambiente.

Questo discorso non è nuovo, ad esempio se ne era già sentito parlare in Food Inc., libro e film sulla produzione della carne in USA, ma è giusto riproporre questo tema per sensibilizzare i cittadini: per trovare sul nostro piatto una bella bistecca fumante sono necessari diversi step, che hanno un notevole impatto sull'ambiente. La produzione, la trasformazione, il trasporto, il cucinare sono passaggi che comportano ripercussioni negative sulla Terra; per non parlare dei rifiuti, dato che il 20% della carne gettata nell'immondizia è commestibile. L'appello è quello di limitare il consumo di alcuni tipi di carne, come salmone, agnello, maiale e manzo, e di latticini. Altri grattacapi arrivano dall'utilizzo massiccio di fertilizzanti, pesticidi, carburante e mangimi legati all'alimentazione del bestiame: un pollo, animale ritenuto idoneo dal professore, richiede una minore quantità di tutto ciò rispetto ad una mucca. Il problema, per ora, è prettamente americano, in quanto la produzione media per persona di carne è il 60% più alta rispetto ai Paesi europei: anche da questo fatto derivano l'obesità e i problemi cardiovascolari che affliggono la popolazione oltre oceano.

Il punto del discorso è che se ogni americano eliminasse il consumo di carne o formaggio in un giorno alla settimana, sarebbe come togliere 7 milioni di auto dalla strada: il contributo del singolo, a volte, può dare risultati strabilianti.

19 luglio 2011 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us