Innovazione

Una carta che si muove

Un nuovo tipo di carta elettronica che permette di vedere immagini in movimento.

Una carta che si muove
Un nuovo tipo di carta elettronica che permette di vedere immagini in movimento.

Un elemento della 'carta elettronica' della Philips. Può diventare chiaro o scuro nel giro di pochi millisecondi. Photo Philips
Un elemento della "carta elettronica" della Philips. Può diventare chiaro o scuro nel giro di pochi millisecondi.
Photo Philips

Nei laboratori di ricerca della Philips è stata inventata una carta elettronica, che cambia rapidamente la struttura dell'”inchiostro” e permette di vedere addirittura i film. Un singolo foglio sembra quasi uguale a una carta normale, ma è l'inchiostro, composto da minuscole goccioline colorate che si possono contrarre e espandere, la vera novità rispetto alle altre carte elettroniche. Anche se la carta elettronica ad alta risoluzione è già stata inventata, sempre dai laboratori Philips in collaborazione con il Massachusetts Institute of technology (Mit), i singoli elementi erano solo in bianco e nero e cambiavano con velocità troppo bassa per permettere la visione di immagini in movimento. La nuova carta invece utilizza un sistema completamente diverso, composto di microscopici elementi (pixel) colorati che si possono espandere (e che quindi coprono lo sfondo bianco) o contrarre (che allora lo fanno vedere). Varie combinazioni di pixel consentono quindi a ogni punto della carta di assumere colori diversi. Il cambiamento di stato dei pixel stessi, da contratti a espansi, è molto veloce (circa dieci millisecondi), tanto da produrre immagini video chiari e veloci.

(Notizia aggiornata al 29 settembre 2003)

26 settembre 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us