Innovazione

Una app per dirottare gli aerei

Una app permetterebbe di prendere il controllo dei sistemi di volo di un aereo commerciale con pochi tap sullo schermo di un telefono Android. Cosa c'è di vero? C'è da preoccuparsi?

“C’è una app per tutto”, recitava qualche tempo fa la pubblicità di una nota marca di smartphone. E da oggi c’è una app anche per mandare in tilt i sistemi elettronici di un aereo di linea. L’ha sviluppata il tedesco Hugo Teso, esperto di sicurezza informatica ed ex pilota civile.

Hacker volante
L’inquietante software è il frutto di 3 anni di lavoro ed è stato presentato la scorsa settimana alla Hack in the Box 2013, una delle più importanti conferenze sulla sicurezza digitale che si tiene ogni anno ad Amsterdam. Teso, che non è un terrorista ma un rispettabile professionista molto apprezzato nel suo campo, con la sua app ha voluto mettere in luce le falle, o exploit come le chiamano gli esperti, dei sistemi elettronici attualmente utilizzati nell’aviazione civile.

[In più: Come fa un aereo a volare?]

Secondo Teso il primo bug sarebbe nel Automated Dependent Surveillance-Broadcast (ADS-B), un sistema di controllo utilizzato per l’identificazione e il tracciamento dei movimenti a terra degli aeromobili. Questo apparato è privo di sistemi di criptazione e autenticazione delle comunicazioni e ciò lo renderebbe un facile bersaglio per terroristi e malintenzionati informatici.

Come ti cracco il Boeing
E altrettanto vulnerabile sarebbe l’Aircraft Communications Addressing and Reporting System (ACARS), il sistema che permette ai velivoli di comunicare via radio e via satellite con le stazioni poste a terra. Nella sua dimostrazione Teso ha utilizzato ACARS per caricare dei dati falsi nel sistema di volo di un simulatore, il cui software è identico a quello utilizzato sui veri aeroplani.
Grazie alla sua applicazione PlaneSploit (ovviamente non disponibile sugli app store) e a un comune smartphone Android, l’esperto ha dimostrato di essere in grado di disinnestare il pilota automatico, prendere il controllo della cloche, cambiare la rotta, far schiantare l’aereo a terra e aprire i comparti delle maschere dell’ossigeno.

Agghiacciante vero?

Ma la cosa più preoccupante è che Teso si è procurato tutto l’hardware e il software necessario a condurre i test, cioè le apparecchiature informatiche di bordo degli aerei di linea, per poche centinaia di euro su eBay e altri siti web.
“Il sistema ACARS non ha alcun tipo di protezione: ciò significa che l’aereo non è in grado di capire la provenienza e la genuinità dei messaggi che riceve” ha spiegato Teso in un‘ intervista a Forbes. “In altre parole, con la mia app, è possibile impartire all’aereo qualsiasi comando”.
La realizzazione di attacco informatico di questo tipo ai sistemi di controllo degli aerei richiede comunque competenze informatiche di alto livello.

Si corre ai ripari
A tranquillizzare i passeggeri ci provano le aziende che producono i sistemi informatici utilizzati sui velivoli commerciali, sottolineando come la dimostrazione di Teso abbia avuto come bersaglio un simulatore disponibile pubblicamente e privo, a differenza degli aerei veri, di qualunque protocollo di sicurezza.
La Federal Aviation Administration statunitense e la European Aviation Safety Administration hanno comunque già preso contatti con l’esperto tedesco e si sono impegnate ad analizzare e correggere le falle in tempi molto rapidi.

Ti potrebbero interessare:
L'aereo cargo della NASA e altri velivoli XXL
Come fa un aereo a volare?
Gli aerei del futuro

15 aprile 2013 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us