Innovazione

Un nanochip contro i virus

Niente informatica. Parliamo di virus veri. Per scovarli in poco tempo basta un microscopico processore ricoperto di anticorpi.

Un nanochip contro i virus
Niente informatica. Parliamo di virus veri. Per scovarli in poco tempo basta un microscopico processore ricoperto di anticorpi.

Silicio appiccicoso. ViriChip usa anticorpi per intrappolare e riconoscere i virus.
Foto: © Credit: BioForce Nanosciences.

Il suo nome è eloquente: ViriChip. È un piccolo dispositivo in grado di rivelare la presenza di un virus nel nostro corpo. Lo hanno messo a punto alcuni scienziati dell'università dell'Iowa (Stati Uniti). Il ViriChip è un tradizionale chip di silicio di 6 millimetri di lato, ricoperto con uno strato di anticorpi. Quando il chip viene a contatto con il virus, questo si attacca a una specifica regione dell'anticorpo e la sua presenza viene immediatamente grazie a un microscopio a forza atomica capace di rivelare la regione del chip in cui è presente il virus. In linea di principio - secondo gli studiosi della materia - si potrebbero collocare migliaia di diversi anticorpi su un unico chip per intercettare simultaneamente migliaia di infezioni virali, usando soltanto un campione di sangue per ciascun paziente.
Microprelievi. Una tecnica rivoluzionaria che permetterebbe ai pazienti di non sottoporsi più ad esami continui, monitoraggi o cospicui prelievi. Poiché una sola goccia di sangue sarebbe sufficiente per compiere migliaia di test.
Il ViriChip possiederebbe enormi capacità di rilievo: sarebbe come uno schermo diretto che segnala la presenza di agenti patogeni specifici quali vaiolo e altri virus così come agenti patogeni batterici quali l'antrace e le relative spore. Così come potrebbe aiutare a segnalare tempestivamente la presenza di infezioni in pazienti a rischio, ad esempio in chi ha subito un trapianto di cuore.

(Notizia aggiornata al 16 febbraio 2004)

16 febbraio 2004
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us