Innovazione

Un giornalista accusa Nokia di averlo intercettato!

I dissidenti accusano le società!

Secondo la notizia pubblicata dal Wall Street Journal, un giornalista iraniano ha accusato la Join Venture Nokia e Siemens di averlo fatto rintracciare e arrestare! La cosa sembra piuttosto assurda, ma è la realtà, il tutto succede in Iran! Nei prossimi mesi presso la Corte Federale di Alexandria in Virginia negli Stati Uniti d’America, dove è stata presentata oggi la denuncia di Issa Saharkhiz, il quale accusa Nokia e Siemens del suo arresto in Iran, la motivazione? Secondo il famoso giornalista la Join Venture avrebbe fornito al governo iraniano la tecnologia basilare per poter rintracciare e analizzare il traffico voce e dati generati dai telefoni cellulari dei dissidenti. Il giornalista, nonché ex vice-ministro della cultura e particolarmente vicino ai riformisti iraniani è in carcere a Teheran da ben 13 mesi!

Saharkhiz, nello specifico, è stato rintracciato dalla polizia iraniana in un villaggio sperduto nelle campagne iraniane tramite un sistema fornito da Nokia e Siemens al governo iraniano!

Credo che la colpa non possa essere data alle due società perché hanno venduto la tecnologia per intercettare le telfonate ma credo sia da accusare il governo iraniano, nella fattispecie, perché non rispetta la privacy del proprio popolo!

Altrimenti sarebbe come accusare una società produttrice di armi di tutti gli omicidi fatti con le pistole da loro prodotte!

18 agosto 2010 Daniele Perotti
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us