Innovazione

Un esperimento che funziona

Da più di un anno un ragazzo tetraplegico del Massachusetts usa un microchip impiantato nel cervello per spostare gli oggetti senza muoversi.

Un esperimento che funziona
Da più di un anno un ragazzo tetraplegico del Massachusetts usa un microchip impiantato nel cervello per spostare gli oggetti senza muoversi.

Matthew Nagle collegato con un chip
al computer.

Forse qualcuno entrando per la prima volta in casa sua potrebbe rimanere stupito nel vederlo accendere la televisione o versare un tè manovrando un braccio meccanico, senza alzarsi dalla sua sedia. Ma chi conosce da un po’ Matthew Nagle, tetraplegico costretto su una sedia a rotelle, ormai c’è abituato.

Penso quindi muovo
Grazie a un microchip sottile come un capello che gli è stato impiantato nel cervello più di un anno fa e che gli permette di compiere le azioni solo “pensando” di farle, quasi in modo simile a quello che faceva quando poteva usare i suoi stessi arti. Il microchip infatti è in grado di trasmettere l’attività neuronale di Nagle ad un computer che traduce il pensiero umano e invia “ordini” alle cose da muovere o da accendere.

Una speranza per il futuro
Quando qualche anno fa sono cominciati i primi esperimenti usando la nuova tecnica sui tetraplegici, nessuno sapeva se i neuroni della corteccia motoria, la zona del cervello responsabile del controllo dei movimenti, sarebbero stati ancora in grado di produrre segnali decifrabili dopo anni di inattività.
Ma l’esperimento su Nagle ha dato buoni risultati e il traguardo che gli scienziati si erano posti qualche tempo fa, cioè riuscire a restituire il movimento e la comunicazione alle persone paralizzate, sembra avvicinarsi. Anche se sarà molto più complesso applicare la tecnologia per far muovere braccia e gambe degli stessi pazienti, piuttosto che un braccio meccanico.

(Notizia aggiornata al 13 luglio 2006)

13 luglio 2006
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us