Innovazione

Un’app aiuta a ridurre la dipendenza da schermo rendendo lo smartphone più lento

Il segreto per usare meno il nostro smartphone è diminuirne le prestazioni ritardando la risposta al tocco: risulterà così irritante da farcelo riporre.

Quanto tempo passate davanti allo schermo del vostro smartphone? Probabilmente la risposta più comune sarà: "troppo". La maggioranza degli utenti che ha deciso di darci un taglio, per salvaguardare la propria salute e migliorare la qualità della vita sociale, ha scelto di scaricare app di blocco come StayFree, Stay Focused, YourHour, Screentime+ e altre. Il fatto, però, è che software di questo tipo sono troppo rigidi e spesso conducono gli utenti all'esasperazione, finendo per essere disinstallati.

Diminuire le prestazioni. Per ovviare a questo problema, i ricercatori dell'Università del Michigan hanno sperimentato una via più morbida, testando una nuova app di nome InteractOut. Questa consente di impostare una tempistica di utilizzo giornaliero a scopo ludico del nostro telefono, limitando giochi, social network o app di streaming. Una volta scaduto il tempo impostato, però, il dispositivo non si blocca, bensì inizia gradualmente a diminuire le proprie prestazioni rallentando (o invertendo) lo scorrimento, ritardando la risposta al tocco o rendendola meno precisa.

Irritante, ma efficace. La chiave dei buoni risultati ottenuti nei test sta nel fatto che la nuova app risulta meno invasiva, e soprattutto più difficile da ignorare. Tutti i programmi volti a bloccare l'uso di determinate funzioni del telefono, infatti, inviano degli avvisi che è possibile bypassare o ritardare, scelta che ne riduce l'efficacia.

Cinque settimane. Nel dettaglio, i test hanno coinvolto 42 partecipanti per oltre un mese. Nei primi sette giorni, i ricercatori si sono concentrati sulla frequenza di utilizzo del dispositivo da parte di ogni soggetto, in modo da fissare un parametro di riferimento. Quindi, ognuno ha installato l'app InteractOut sul proprio telefono Android e ha scelto quali app monitorare. I ricercatori hanno fissato il tempo di utilizzo giornaliero a un'ora esatta, dopodiché, per le successive due settimane, hanno chiesto agli utenti di comportarsi come ritenevano, lasciando o meno attive le limitazioni descritte a seconda dell'uso che volevano fare del loro dispositivo.

Nel periodo residuo, infine, i partecipanti hanno testato Timed Lockout, un'app di blocco tradizionale. Al termine dello studio, è emerso come InteractOut non solo aveva spazientito di meno gli utenti, che l'hanno lasciata attiva nel 62% del tempo totale (rispetto al 36% della seconda), ma è anche risultata in grado di ridurre in media del 16% il tempo passato davanti allo schermo.

Miglioramenti in cantiere. «L'obbiettivo delle novità introdotte da quest'app è portare l'utente a convincersi di aver deciso egli stesso quando spegnere lo smartphone e non che l'app lo abbia fatto per lui», ha spiegato il dott.

Anhong Guo, uno degli ingegneri che hanno lavorato al progetto. Il processo di messa a punto è comunque tutt'altro che concluso.

In determinati casi, infatti, i partecipanti hanno descritto InteractOut come troppo invadente, evidenziando la necessità di personalizzarne le funzioni a seconda dell'attività ludica che si sta svolgendo. Per esempio, per alcuni giochi rendere il "tap" meno preciso equivale a perdere una partita, così come sui social network può voler dire sbagliare un'interazione (mettere un like al posto di un dislike, per esempio). L'app è risultata anche essere poco efficace nel caso dei servizi di streaming video, per i quali non è richiesta molta interazione, ed è per questo motivo che sarà lanciata sul mercato solo dopo aver risolto tutte queste criticità.

18 giugno 2024 Simone Valtieri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us