Innovazione

The moment, il film che si adatta alle emozioni dello spettatore

I film del futuro potrebbero cambiare in tempo reale in base ai segnali inviati dal nostro cervello.

Cinema 3D, iMax e sale immersive potrebbero presto finire nel dimenticatoio, superate da una nuova tecnologia che permette agli spettatori di un film di prenderne il controllo semplicemente... con il pensiero. L'idea è di Richard Ramchurn, studente dell'Università di Nottingham (UK) con l'hobby della regia.

Al cinema col sensore. Ramchurn ha messo a punto un dispositivo che rileva in tempo reale i livelli di attenzione dello spettatore grazie all'analisi della sua attività cerebrale. I dati, intercettati da una serie di sensori simili a quelli utilizzati per l'elettroencefalografia, vengono inviati a un computer che li rielabora con uno speciale software e utilizza i risultati per modificare la colonna sonora del film, scegliere quali scene mostrare e quale storia costruire. Si crea così un doppio flusso di informazioni: il fluire del film interviene sull'attività cerebrale dello spettatore che a sua volta influisce sul film.

Cervello: il cinema col controllo del pensiero
La locandina di The Moment.

Dieci, cento, mille film. L'ultima sua produzione, The Moment, è un cortometraggio ambientato in un futuro distopico dove le interfacce uomo-computer sono ormai la normalità. Le storie dei protagonisti, le scene e le musiche possono essere intrecciate così da creare migliaia di storie diverse a seconda di chi siede davanti allo schermo. Secondo Technology Review (pubblicazione online del MIT), chi si trova davanti a The Moment non è però sempre conscio della relazione tra lo scorrere del film e le proprie emozioni.

Meglio soli... La tecnologia di Ramchurn non è destinata a un utilizzo collettivo: un'intera platea di spettatori capaci di coordinare le proprie emozioni, in effetti questo sì che sarebbe un futuro distopico! Il ricercatore ha invece condotto alcuni esperimenti proiettando il film a 3 spettatori che avevano rispettivamente il controllo su trama, colonna sonora e mix delle scene. Il risultato è stato positivo: la modalità collaborativa ha permesso di ottenere un film che ha soddisfatto i volontari.

A me gli occhi. Il controllo cerebrale su di una storia non è una novità: lo stesso Ramchurn, nel 2013, aveva messo a punto un dispositivo che attraverso il monitoraggio del battito delle ciglia permetteva di valutare il livello di attenzione dello spettatore e gli proponeva tagli di scena e cambi di inquadratura ad hoc. In breve lo spettatore diventa "padrone" della tecnologia e impara a cambiare consciamente il flusso del film, per combattere noia e banalità.

4 giugno 2018 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Come sarebbe stata (e sarebbe) la nostra vita senza cani, gatti, cavalli, topi, api, scimmie? Abbiamo girato la domanda direttamente a loro, gli animali, per farci raccontare che cosa e quanto hanno fatto per l'uomo fin dalla notte dei tempi. Perché non c'è evento, guerra, scoperta, epidemia che si possa ripercorrere senza valutare il ruolo svolto dagli altri abitanti del Pianeta.

ABBONATI A 29,90€

Perché viaggiamo? L'uomo viaggia da sempre con gli scopi più diversi, ma solo da poco tempo lo fa anche per divertirsi. E tu, che viaggiatore sei?Scoprilo con il test. E ancora: come sono i rifugi antiatomici della Svizzera e degli Usa; come si gioca la guerra dell’informazione nel Web; perché i Sapiens sono rimasti l’unica specie di Homo sulla Terra; gli amici non sono tutti uguali perché il rapporto con loro dipende dalla personalità, dal sesso e dal tempo che si passa insieme. Fai il test: che tipo di amici hai?

ABBONATI A 31,90€
Follow us