Innovazione

Televisori di plastica

Circuiti elettronici stampati su un resistente film plastico.

Televisori di plastica
Circuiti elettronici stampati su un resistente film plastico.

Il film plastico in cui sono 'stampati' circuiti integrati.© Xerox
Il film plastico in cui sono "stampati" circuiti integrati.
© Xerox

Grazie a nuove scoperte del centro ricerche della Xerox in Canada (a Mississauga, in Ontario), è più vicino il momento in cui sarà possibile avere schermi televisivi e monitor portatili delle dimensioni di un poster. Fondamentali in questa direzione si stanno rivelando i nuovi polimeri organici semiconduttori che permettono la stampa di schemi elettronici su un substrato plastico. In questo modo gli schemi stessi sono flessibili e utilizzabili per creare circuiti elettronici alternativi a quelli in silicio.
Schermi flessibili. Le possibili applicazioni vanno dalle targhette di identificazione per prodotti di consumo fino a schermi flessibili in “carta elettronica”. «In termini di costi uno dei maggiori vantaggi assicurati dai transistor plastici stampati è la loro totale indipendenza da impianti costosi, al contrario dei tradizionali transistor in silicio, che richiedono ambienti sterili, sistemi di stampaggio sotto vuoto ad alte temperature e complessi processi fotolitografici», ha spiegato Ong, il responsabile del gruppo che si occupa di circuiti elettronici stampati presso il Centro di ricerche Xerox in Canada.

(Notizia aggiornata al 14 dicembre 2002)

13 dicembre 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us