Innovazione

Team cinese studia i terremoti con gli 'air gun'

La tecnologia petrolifera aiuta il lavoro dei sismologi.

I terremoti non si possono prevedere, ma studiare sì. Alcuni geologi cinesi hanno inventato un metodo innovativo che sembra molto promettente. La tecnologia usata è quella per cercare il petrolio nei giacimenti offshore. Scopri di cosa si tratta.

“Gli air gun sparano aria compressa al suolo e i sensori registrano le vibrazioni”

Imprevedibile - Il recente sciame sismico che ha colpito il nord Italia riporta le persone a chiedersi se sia possibile prevedere i terremoti. La risposta della scienza è no. Ma ciò non vuol dire che la scienza non continui a studiare il fenomeno e le due cause al fine di migliorare la risposta alle emergenze e fornire informazioni più precise all’ingegneria per costruire edifici sempre più sicuri. Che sono, attualmente, le uniche cose che ci possono salvare in caso di una forte scossa.

Onde sismiche -Gli studi si sono basati, almeno fino a oggi, su sismografi che registrano le onde sismiche prodotte dal sottosuolo quando si muove. Terremoti inavvertibili ma inarrestabili, perché la terra è in continuo movimento. Ma anche impossibili da prevedere e difficili da studiare perché i risultati non sono omogenei.

Scossa cinese - Una risposta a questo problema potrebbe arrivare da uno degli studi più recenti. Un team di scienziati cinesi sta infatti cercando di replicare artificialmente le onde sismiche in modo da ottenere abbondanza e uniformità di risultati. I geologi si sono trasferiti ad aprile nella provincia di Yunnan al centro di una rete di sismografi che monitorizzano un’area di 10 mila chilometri quadrati in corrispondenza del punto dove si intersecano due grandi faglie geologiche. Hanno piazzato in fondo a un lago, tramite una gru, un macchinario costituito da quattro air gun del tipo normalmente utilizzato per le ricerche petrolifere in mare.

Tecnologia petrolifera - Gli air gun sono dei cannoni ad aria compressa, caricati a bordo delle navi in cerca di petrolio o gas sotto il fondo del mare. L’aria sparata dai cannoni rimbalza sul fondo e l’eco viene registrato dalla strumentazione di bordo. E i geologi, in base al tipo di eco, sono in grado di capire cosa potrebbe celarsi sotto il fondale, petrolio compreso.

Terremoto artificiale - Gli scienziati cinesi, facendo sparare contemporaneamente quattro di questi cannoni dal fondo del lago, però, hanno ricreato un’onda di una potenza equivalente a quella di un terremoto di magnituto 0,4. Un piccolo terremoto artificiale, insomma, che è possibile replicare a piacimento. I geologi possono così ottenere dati omogenei sul sottosuolo e studiarlo in modo più approfondito.

Lo sparo di un air gun ha prodotto un’onda si è registrata fino a 112 chilometri di distanza, facendoli sparare tutti e quattro insieme l’onda si è sentita fino a 240 chilometri.

Animali a rischio - I geologi sanno bene che questa tecnologia derivata dal mondo del petrolio non è esente da problemi e conseguenze. Gli air gun, infatti, sono fortemente sospettati di disorientare i cetacei e i banchi di pesce. Chi li usa ha sempre negato che esistano rischi per gli animali del mare, ma le regole sulle ricerche di petrolio offshore vietano comunque troppi colpi di air gun a distanza ravvicinati. I pesci del lago, dicono gli scienziati, sono ancora tutti vivi. (sp)

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

Le invenzioni Nasa che hanno cambiato il mondo

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

6 febbraio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us