Innovazione

Wearable: tatuaggi OLED per dispositivi indossabili

Un tatuaggio con tecnologia OLED, la stessa degli schermi per smartphone, aggiungerà importanti funzioni ai wearable device, le tecnologie indossabili.

I sensori e i dispositivi indossabili - i wearable device - incorporati nell'abbigliamento o da tenere a contatto con la pelle, o anche sottopelle, hanno una vasta gamma di applicazioni, alcune ormai d'uso comune. Ci sono per esempio i tanti dispositivi (orologi, cinturini eccetera) utili a chi fa sport per monitorare i parametri fisiologici (battito, ossigenazione, pressione) durante l'allenamento; altre applicazioni sono meno comuni, come i microchip sottopelle per pagamenti contactless o i circuiti stampati sulla pelle come fossero tatuaggi, per monitorare diversi indicatori della salute; altre sembrano ancora fantascienza, benché quasi alla portata delle attuali tecnologie: è per esempio il caso di un circuito OLED (la tecnologia di molti schermi per TV e smartphone), applicabile come un tatuaggio temporaneo, capace di rilevare informazioni dalle cose attorno a noi - come la freschezza del cibo in vendita sui banconi del mercato.
 
Ancora in fase di test, ci stanno lavorando l'University College of London (UCL) e l'Istituto Italiano di Tecnologia (IIT): lo studio è pubblicato su Advanced Electronic Materials.

Secondo i ricercatori questa tecnologia moltiplica le possibili applicazioni dei dispositivi indossabili: ad esempio, se combinato a un sensore del sudore potrebbe emettere un segnale luminoso quando un atleta è disidratato; in ambito alimentare, potrebbe indicare la scadenza o il livello di maturazione di frutta e verdura. In medicina, sarebbe in grado di avvertire dottori e infermieri di un cambio nelle condizioni di salute di un paziente, ma ha in potenza applicazioni ancora più interessanti in fotochemioterapia e terapia fotodinamica.

«È una tecnologia economica e che può essere prodotta su larga scala», afferma Franco Cacialli (UCL): «sono tatuaggi semplici da utilizzare e facilmente removibili con acqua e sapone.» Il singolo tatuaggio compone un dispositivo spesso appena 2,3 micrometri (meno di 1/400 di un millimetro) composto da un polimero elettroluminescente (emette luce quando riceve elettricità) inserito tra elettrodi. «Il nostro studio è solo all'inizio, ma prova che questa tecnologia può funzionare», conclude il ricercatore: «ora dobbiamo arrivare a integrare una batteria o un supercondensatore, e studiare il modo migliore per incapsulare gli OLED nel tatuaggio, impedendo che si danneggino a contatto con l'aria.»

8 marzo 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La morte atroce (e misteriosa) di Montezuma, la furia predatrice dei conquistadores, lo splendore della civiltà azteca perduta per sempre: un tuffo nell'America del sedicesimo secolo, per rivivere le tappe della conquista spagnola e le sue tragiche conseguenze. 

ABBONATI A 29,90€

Il ghiaccio conserva la storia del Pianeta: ecco come emergono tutti i segreti nascosti da milioni di anni. Inoltre: le aziende agricole verticali che risparmiano terra e acqua; i tecno spazzini del web che filtrano miliardi di contenuti; come sarà il deposito nazionale che conterrà le nostre scorie radioattive; a che cosa ci serve davvero la mimica facciale.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa sono i pianeti puffy? Pianeti gassosi di dimensioni molto grandi ma di densità molto bassa. La masturbazione è sempre stata un tabù? No, basta rileggere la storia della sessualità. E ancora: perché al formaggio non si può essere indifferenti? A quali letture si dedicano uomini e donne quando sono... in bagno?

ABBONATI A 29,90€
Follow us