Innovazione

Due robot dell'IIT nella finale della gara per avatar robotici di esseri umani

Due team italiani protagonisti della finale dell'ANA Avatar XPRIZE, la gara per robot teleguidati che saranno i nostri assistenti di domani.

L'Istituto italiano di tecnologia (IIT) sarà tra i protagonisti del prossimo Ana Avatar X Prize, una competizione dedicata ad avatar robotici degli esseri umani in programma tra l'1 e il 6 novembre 2022 presso il Long Beach Convention Center di Los Angeles.

I robot saranno teleguidati da remoto e dovranno portare a termine un percorso di circa 45 metri, dove gli ostacoli saranno rappresentati dallo svolgimento di compiti di vita quotidiana, come maneggiare una bottiglia, usare un trapano, spostare oggetti e manovrare interruttori.

Focus Live
Il robot AlterEgo dell'Istituto italiano di tecnologia sarà tra i protagonisti del prossimo Focus Live, il festival della scienza di Focus che si terrà a Milano tra il 4 e il 6 novembre. L'ingresso è gratuito, prenota i biglietti qui: https://bit.ly/PrenotaFocusLive22

Assistenti robot. A rendere il tutto ancora più difficile il fatto che l'operatore ai comandi del robot non sarà un membro del team e nemmeno un esperto delle tecnologie utilizzate dall'avatar. Sarà insomma una persona qualunque, o quasi, che dovrà essere in grado di completare il percorso nel minor tempo possibile superando il maggior numero di ostacoli. Alla gara parteciperanno 17 team provenienti da diversi paesi. Le due squadre italiane provengono entrambe dall'Istituto italiano di tecnologia e parteciperanno alla sfida con i robot AlterEgo e iCub.

L'ANA Avatar XPRIZE è un concorso globale della durata di quattro anni, dedicato allo sviluppo di un sistema robotico avatar in grado di trasportare le capacità sensoriali, le azioni e la presenza di un essere umano in un altro luogo in tempo reale. Il concorso è stato lanciato a marzo 2018 e la qualificazione alle finali di novembre è il risultato di altre gare pre-eliminatorie che si sono svolte durante l'anno.

La penultima selezione si terrà il 4 novembre 2022 e solo i primi 12 classificati accederanno alla finalissima del 5 novembre. Il premio ammonta a 8 milioni di dollari che saranno destinati ai primi tre classificati. Si aggiudicherà la competizione il team in grado di integrare meglio le varie tecnologie emergenti per sviluppare un avatar robotico con il quale l'operatore possa vedere, sentire e interagire con l'ambiente da remoto, avendo la sensazione di essere realmente presente per portare a compimento il percorso nel minor tempo possibile.

iCub alle prese con un trapano. © Istituto Italiano di Tecnologia (IIT)

Gli italiani in gara. AlterEgo, sviluppato dall'Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) e dall'Università di Pisa, è un robot semi-antropomorfo alto circa 120 cm e dotato di una parte superiore del corpo umanoide e di una piattaforma mobile su due ruote. Agisce come un alter ego dell'operatore che, grazie a dispositivi di controllo immersivi come visore e joystick, riesce a vedere attraverso gli occhi del robot, e a utilizzarne il corpo per esplorare ambienti pericolosi come luoghi colpiti da terremoti o per fornire assistenza alle persone, per esempio nelle corsie degli ospedali.

iCub 3 è un robot umanoide dell'Istituto Italiano di Tecnologie, alto 1 metro e 25 per 52kg di peso. È stato progettato e realizzato per essere l'avatar fisico degli esseri umani, che utilizzano da remoto le sue capacità di muoversi, manipolare oggetti, percepire stimoli e interagire verbalmente e fisicamente con persone e ambiente.

1 novembre 2022 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us