Innovazione

Sulle elezioni USA l'ombra delle "bombe Twitter"

Le chiamano "Twitter bombs" e potrebbero spostare alcuni dei pochi, preziosi voti che separano Barack Obama o Mitt Romney dalla vittoria: che cosa sono, e come funzionano?

Mentre al di là dell'Atlantico gli americani si preparano a recarsi alle urne, una cyber minaccia potrebbe contribuire a spostare - irregolarmente - l'ago della delicatissima bilancia elettorale. I candidati, lo dicono i sondaggi, si giocheranno la presidenza USA punto a punto, contendendosi gli ultimi indecisi in pochi stati chiave. Ma dato il minimo scarto che separa Barack Obama e Mitt Romney, gli occhi degli esperti di social media sono ora puntati sulla forma di spam elettorale più insidiosa e moderna degli ultimi tempi: le "bombe" Twitter.

Per "bombe Twitter" si intende una sorta di spam in 140 caratteri: numerosi tweet con lo stesso hashtag e simili contenuti vengono postati da multipli account, e ritwittati migliaia di volte per promuovere un prodotto o, come in questo caso, un'idea politica. I Twitter feed degli utenti sono così riempiti di messaggi sullo stesso argomento e si è facilmente portati a credere che ciò di cui parlano sia trending topic sul social network, o che dietro a quei messaggi stia nascendo un movimento d'opinione. Naturalmente non è così: l'argomento è abilmente manipolato e cavalcato da un ristretto gruppo di persone e i tweet vengono ritwittati grazie a programmi creati per svolgere compiti in modo autonomo, conosciuti come "Bot" (che sta per "knowledge robot").

Quante cose si scoprono dalle mappe di Twitter: qual è la lingua più adatta ai cinguettii? E la città italiana che lo usa di più?

Il fenomeno non è nuovo agli esperti del settore. Le bombe Twitter sono sfruttate in alcune campagne pubblicitarie particolarmente aggressive, ma sono già state usate anche in qualche occasione politica. Panagiotis Metaxas, esperto di informatica e social media presso il Wellesley College di Boston, ha studiato un caso di bombe Twitter relativo alla corsa elettorale per il Senato in Massachusetts nel 2010: all'epoca una "tweet factory" creata ad hoc nei giorni finali della campagna ha prodotto mille tweet, ritwittati però 60 mila volte. La campagna fu in quel caso promossa da un gruppo conservatore dell'Iowa in supporto del candidato repubblicano Scott Brown, che vinse la corsa. «Non posso dire se quell'episodio fece la differenza durante le elezioni» ha commentato Metaxas «ma in una gara decisa da poche centinaia o migliaia di voti, questo potrebbe costituire un fattore rilevante».

Non perderti foto e dietro le quinte sui dibattiti elettorali più famosi della storia

La tattica dell'astroturfing - così viene chiamata la creazione a tavolino del consenso intorno a una determinata idea - su Twitter può pagare però solo nell'immediato.

Può influenzare i trend su Twitter, questo è vero, ma a lungo termine rischia di "sporcare" il bagaglio "social" di un candidato, che di questi tempi è tutto (guarda anche Obama, Romney e i social network). Ecco perché sarebbe interesse degli stessi candidati politici prevenire questo tipo di supporto per non rovinarsi la reputazione.

Ti potrebbe interessare anche: il record di "cinguettii" toccato durante la convention democratica

Le bombe Twitter, comunque, non sono le uniche bassezze elettorali in cui si può inciampare nella Rete. Esistono anche le bombe Google, ancora più subdole, dato che possono manipolare i risultati di ricerca. Qualche mese fa, per esempio, chi cercasse "completely wrong" su Google, otteneva foto di Mitt Romney, finché il motore di ricerca non ha modificato l'algoritmo.

Da non perdere:
Twitter e l'uragano, tra sos salvavita e informazioni fake
L' "effetto Sandy" sulle Presidenziali americane

6 novembre 2012 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us