Innovazione

Successo per il lancio e l'atterraggio di Space X

Per la prima volta il primo stadio del suo potente razzo Falcon 9 è rientrato a Terra su una piazzola appositamente costruita sulla terraferma. In orbita 11 satelliti.

Poche volte negli ultimi si era visto così tanto entusiasmo tra coloro che avevano seguito il lancio di un razzo che portava a bordo dei satelliti per comunicazione. Ma c’era ragione di esserlo. Per la prima volta infatti, il primo stadio del razzo che ha raggiunto l’orbita terrestre è ritornato a Terra, in piedi, sulle sue zampe metalliche per poter essere riutilizzato in seguito.

C’è riuscita la Space X, che questa notte, alle 2 e 29 ora italiana, ha lanciato il suo razzo Falcon 9 con a bordo 11 satelliti per la Orbcomm.

Con una discesa molto veloce il primo stadio del Falcon 9 è rientrato a Cape Canaveral e si è posato al suolo dopo aver raggiunto una velocità di 5.900 km/h e una quota di circa 200 km.

Nel tweet qui sotto, la foto della doppia scia: a sinistra quella del decollo, a destra quella del rientro.

A SEI MESI DALL’INCIDENTE. Il lancio è avvenuto dopo diversi rinvii, ma era molto atteso perché circa 6 mesi un Flacon 9 esplose in volo, mentre avrebbe dovuto portare materiale da rifornimento alla Stazione Spaziale Internazionale. Space X infatti, è diventato un regolare rifornitore della Nasa, in quanto mette a disposizione una capsula, la Dragon, che è in grado di portare cibo, esperimenti e acqua alla stazione spaziale.

In ogni caso, trovato il difetto che ha fatto fallire l'ultimo lancio, (si era spezzato un sostegno interno del secondo stadio) si è provveduto a trovare la soluzione al problema e nel frattempo si è incrementata la potenza del razzo stesso.

Ma il lancio era ancora più atteso perché si tentava per la terza volte di far tornare in piedi il primo stadio su una piazzola in un punto ben preciso. Space X ci aveva già tentato due volte in precedenza, tentando il rientro su una piazzola costruita in Oceano Atlantico, ma in entrambi i casi lo stadio del razzo, pur essendo atterrato, è caduto in fase di approccio alla piattaforma. Questa volta si è tentato sulla terraferma e l’esperimento è riuscito pienamente.

IL PREDECESSORE. Ad onor del vero il ritorno a Terra dello stadio di un razzo era già avvenuto lo scorso mese di novembre. Era stato lanciato dalla Blue Origin, il cui razzo però, non aveva lo scopo di raggiungere l’orbita terrestre, ma solo i 100 chilometri d’altezza al fine di portare (in un prossimo futuro) turisti in un volo suborbitale a bordo di una capsula.

Il successo di Space X, invece, è molto più significativo perché il Falcon 9 è un razzo che porta le sue navicelle in orbita terrestre, ma vuole ben presto raggiungere anche Marte.

Far tornare a Terra gli stati dei razzi e in futuro anche i booster (i razzi supplementari) significa ridurre enormemente i costi di lancio perché si possono recuperare i motori, che sono gli elementi più costosi di un razzo. «E questo – ha spiegato Elon Musk, proprietario della Space X - renderà economicamente fattibile l’esplorazione umana di Marte».

22 dicembre 2015 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us