Innovazione

Sport e doping di tecnologia

Maratoneti bionici e Robin Hood con lo zoom: fino a che punto ci si può spingere sulla strada del doping tecnologico? L'oro e i record spettano all'atleta o ai suoi sensori?

A ogni nuova edizione, i Giochi Olimpici si preannunciano come i più hi-tech di sempre. Del resto, tra un'edizione e l'altra vi sono esperti in aerodinamica, ingegneri, biomeccanici e tecnici di ogni ramo che lavorano esclusivamente per gli atleti, per aiutarli a migliorare e ottimizzare le loro prestazioni. I corridori possono contare su compagni d'allenamento ipertecnologici come le reti di sensori che, appiccicati al corpo, raccolgono serie e serie di dati, dalla lunghezza del passo all'accelerazione ai valori biofisici: queste informazioni, elaborate al computer in ogni modo possibile, permettono ai coach di lavorare di fino sul rendimento degli atleti. Niente a che vedere con i navigatori satellitari da polso o le scarpe con sensori bluetooth da collegare allo smartphone!

Robin Hood con lo zoom. I campioni di tiro con l'arco hanno a disposizione i sistemi di "analisi del comportamento in volo della freccia". Flash e fotocamere ad alta velocità consentono di seguire, un millesimo di secondo dopo l'altro, il distacco della freccia dalla corda dell'arco e il suo viaggio fino al bersaglio, dove altri sensori misurano l'angolo e la forza dell'impatto. Grazie a queste informazioni gli atleti possono perfezionare la tecnica di rilascio così da rimediare a ogni imperfezione ed evitare, per esempio, di generare attriti che possano disturbare la traiettoria della freccia. In base ai risultati dell'analisi fornita dal computer gli arcieri possono modificare tensione e lunghezza della corda anche solo dei pochi millimetri necessari per raggiungere la medaglia.

Cecchini col microfono. Per diventare campioni di double trap, la specialità di tiro nella quale gli atleti devono colpire con il fucile due piattelli lanciati contemporaneamente (video qui sotto), ci vogliono buona mira e... orecchio! Per andare a segno è fondamentale trovare il ritmo giusto nella sequenza dei due colpi e un semplice cronometro manuale non permette il calcolo esatto dei tempi. Ma un microfono posizionato sulla canna del fucile aziona al primo sparo un orologio computerizzato e lo arresta al secondo sparo: questo sistema permette agli atleti di reagire nell'intervallo perfetto di 4 decimi di secondo tra un colpo e l'altro.

18 luglio 2008
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us