Innovazione

SpaceX, un altro atterraggio fallito per il Falcon 9

La strada per i razzi riutilizzabili si arricchisce di un nuovo, atteso intoppo: il vettore di Musk ha mancato, venerdì, il rientro in mare. Ma si è comunque trattato di un successo a metà.

Ogni impresa visionaria annovera, nella sua storia, diversi tentativi a vuoto. L'idea di Elon Musk di un futuro in cui i razzi siano riciclabili non è da meno: venerdì notte un vettore Falcon 9 ha fallito per la quarta volta l'atterraggio su una piattaforma robotica in mezzo all'Atlantico, a causa di un rientro troppo veloce e poco controllato.

Un handicap pesante. Il razzo ha centrato la piattaforma, ma ci si è schiantato sopra. I tecnici della SpaceX se lo aspettavano. Il Falcon 9, lanciato da Cape Canaveral (Florida), ha messo in orbita geostazionaria (a 40.600 km di quota) un pesante satellite per le telecomunicazioni: il SES-9, 5,5 tonnellate di payload.

Carichi così pesanti impongono al Falcon 9 di viaggiare con meno carburante, e il propellente è necessario per garantire un rientro più lento e correggere la traiettoria, preparandola all'atterraggio. Lo stesso Elon Musk ha chiarito, in un tweet, di non avere avuto grandi aspettative su questo rientro:

Ma date le caratteristiche del lancio, anche solo aver raggiunto la piattaforma, prima di schiantarcisi sopra, è stato comunque un successo, come ha cinguettato l'astronauta Chris Hadfield:

Si va avanti. A dicembre la SpaceX era riuscita a far atterrare un razzo direttamente sul suolo, a Cape Canaveral. Ma rientrando in mare si risparmierebbe carburante, perché la piattaforma robotica è in grado di spostarsi in direzione del razzo. Ogni lancio di un Falcon 9 costa circa 61 milioni di dollari (oltre 55 milioni di euro): riuscire a riciclarlo comporterebbe un enorme risparmio economico.

7 marzo 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Il racconto del decennio (1919-1929) che condusse un'Italia povera, ferita e delusa dalla Grande guerra nelle braccia di Mussolini. E ancora: distanziamento, lockdown, ristori... tutte le analogie fra la peste di ieri e il covid di oggi; come Anna Maria Luisa, l'ultima dei Medici, salvò i tesori artistici di Firenze; dalla preistoria in poi, l'impatto dell'uomo sull'ambiente e sul paesaggio.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello trattiene senza sforzo le informazioni importanti per sopravvivere. Qual è, allora, il segreto per ricordare? Inoltre: gli ultimi studi per preservare la biodiversità; la più grande galleria del vento d'Europa dove si testano treni, aerei, navi; a che punto sono i reattori che sfruttano la fusione nucleare.


ABBONATI A 29,90€

Litigare fa ammalare? In quale sport i gatti sarebbero imbattibili? Perché possiamo essere cattivi con gli altri? Sulla Luna ci sono nuvole? Queste e tante altre domande e risposte, curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, d'ora in poi tutti i mesi in edicola!

ABBONATI A 29,90€
Follow us