Innovazione

Soltanto con la forza del pensiero...

Spostare oggetti e svolgere azioni solo con il pensiero, grazie a un computer collegato al cervello: cinque pazienti di una clinica di Boston potrebbero provarlo nei prossimi mesi.

Soltanto con la forza del pensiero...
Spostare oggetti e svolgere azioni solo con il pensiero, grazie a un computer collegato al cervello: cinque pazienti di una clinica di Boston potrebbero provarlo nei prossimi mesi.

Un giorno un microchip collegato a un computer, impiantato nel cervello di alcune persone disabili potrebbe renderle capaci di svolgere azioni in autonomia e guidare una sedia a rotelle solo con la forza del pensiero.
Un giorno un microchip collegato a un computer, impiantato nel cervello di alcune persone disabili potrebbe renderle capaci di svolgere azioni in autonomia e guidare una sedia a rotelle solo con la forza del pensiero.

Scrivere una mail senza usare mouse e tastiera o versare il tè senza muoversi dalla scrivania, usando solo la forza del pensiero… Non stiamo parlando di telepatia, ma di una nuova tecnologia che si basa sul brain-computer, un sistema capace di raccogliere segnali dal cervello (in inglese “brain”) e trasmetterli a un computer per attivare robot e altri dispositivi. Sembra uno scenario da film di fantascienza modello Matrix, o il prototipo di qualche laboratorio di frontiera, eppure un'azienda elettromedicale del Massachussets nei prossimi mesi vuole testare uno di questi sistemi su cinque disabili. Se i test funzioneranno, potrebbe essere il primo computer capace di “leggere nel pensiero” a essere messo in commercio (non prima del 2007, però).
Un sistema cervellotico. In una clinica di Boston alcuni chirurghi "attaccheranno" ai neuroni di cinque pazienti tetraplegici (che non hanno l’uso delle braccia e delle gambe), un chip di due millimetri, capace di catturare i segnali del cervello. I segnali passeranno poi, attraverso la fibra ottica a un lettore che li tradurrà nel linguaggio del computer, che a sua volta elaborerà informazioni e invierà dei comandi. Durante i test i pazienti potranno svolgere poche ma accurate azioni. «Il nostro obiettivo è permettere di usare con sicurezza il personal computer. - ha spiegato a Focus.it il presidente di Cyberkinetics, Tim Surgenor - Stiamo lavorando perché sia possibile, usando solo il sistema neurale, puntare e premere con precisione un oggetto sullo schermo come si fa di solito con un mouse e scrivere con una certa velocità su una tastiera visuale. Puntiamo, inoltre in questa fase, a fornire una serie di pulsanti che accendano o spengano alcuni dispositivi a distanza».
Un microchip per muoversi. Negli Stati Uniti vi sono diverse università che studiano il modo per connettere il cervello al computer. Il dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Brown ha sviluppato questo avanzato strumento per aiutare le persone con gravi problemi motori, che potranno interagire e comunicare attraverso un computer usando solo il pensiero. Un domani, grazie a sonde elettriche impiantate nei muscoli potrebbero addirittura muovere i loro stessi arti. Tuttavia i ricercatori non negano che la nuova tecnologia del brain-computer di cui esistono diversi prototipi oggi allo studio anche in Europa, un giorno potrebbe avere diverse applicazioni dal campo dell’insegnamento, a quello militare e della diagnosi medica fino all’intrattenimento.

(Notizia aggiornata al 29 gennaio 2004)

26 gennaio 2004
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us