Innovazione

Smartphone e tablet 007: licenza di spiare

Mappa del Wall Street Journal che ti dice chi ti frega i dati.

Spiare il prossimo è un’abitudine vecchia come il mondo. Rubare dati ai cyber utenti per rivenderli al miglior offerente è una delle più sgradevoli novità dell’era digitale. E l’ultima frontiera è rappresentata dai dispositivi portatili che si collegano al web, e dalle mille applicazioni “truffaldine” che installiamo senza saperlo. Quali sono le più “disoneste”?

“Il Wall Street Journal pubblica una mappa interattiva delle applicazioni spione”

Privacy e pubblicità - Il problema della privacy, di anno in anno, diventa sempre più preoccupante e ogni giorno scopriamo che qualcuno, tramite Internet, ci frega i dati per rivenderli a terzi e guadagnarci una fortuna (a nostre spese). Google, Facebook, Twitter: adesso è il turno delle applicazioni che installiamo sui nostri dispositivi mobili un po’ per utilità o, molto più spesso, per divertimento. L’ultima moda è carpire ogni tipo di informazioni "on the road", sempre più spesso, all’insaputa dell’utente.

Social spifferone - L’arrivo dei social network ha decisamente semplificato la raccolta di queste informazioni, ma ci sono reti sociali, come Path, a cui non basta il bottino dati che gli utenti gli regalano di spontanea volontà. Oltre a nome, cognome, foto, video, geolocalizzazione e quant’altro sia tecnologicamente possibile carpire, gli sviluppatori di Path hanno pensato bene di “trattenere” sui loro server, ovviamente senza le dovute autorizzazioni, anche la rubrica dei contatti dello smartphone da cui ci colleghiamo.

È un vizio! - Il problema è che, dopo le pubbliche scuse degli sviluppatori per questa appropriazione indebita nella prima versione di Path per iPhone e iPad, verso la fine dell’anno scorso, non è cambiato nulla in Path 2.0 che continua a tenersi, sempre senza l’esplicito consenso degli utenti, i loro dati e la famigerata rubrica contatti.

Fenomeno diffuso - Utente avvisato mezzo salvato. Ma che dire delle altre applicazioni in circolazione che, in un modo o nell'altro, ci spiano? È il caso, per esempio, di Hipster - un’app di photo-sharing molto diffusa nel mondo iOS - che ha lo stesso vizietto di Path, ossia fregare la rubrica contatti. E se pensi che siano le uniche ti sbagli di grosso! So che ti sorprenderà, ma anche Angry Birds tiene per sé un bel po’ di informazioni (rubrica, nome utente, password e localizzazione), così come Facebook (dati d’accesso, contatti e il luogo dove vi trovate) e Textplus - un’app per mandare messaggi gratis - che “paghi” con i tuoi dati di localizzazione, accesso, rubrica e identificativo del cellulare.

Sono tantissimi i programmi per iPhone e Android che ti spiano e sul sito del Wall Street Journal trovi una tabella interattiva che ti fa nomi, cognomi e tutte le malefatte. Vale davvero la pena di dargli un’occhiata. (sp)

Vinicio Mucedola

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

Trucchi - Truffe e spam sul cellulare: difenditi così

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

10 febbraio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us