Innovazione

Shelley, l'intelligenza artificiale che scrive racconti dell'orrore

Siete amanti dell'horror? Un software del MIT sta imparando a cimentarsi nel genere, leggendo quello che scriviamo noi. Si esprime su Twitter, e potete darle una mano...

Basta con i software saputelli che ci battono ai giochi da tavolo, o che parlano tra loro in lingue indecifrabili. In occasione di Halloween gli scienziati del MIT ne hanno creato uno specializzato in qualcosa di meglio: scrivere racconti dell'orrore.

Si chiama Shelley, come la Mary vittoriana autrice di Frankenstein, ed è stata descritta come parte di un progetto più esteso, una macchina generatrice di incubi (che assembla anche facce spaventose). Shelley è in grado di comporre brevi storie raccapriccianti che "pubblica" su Twitter, dove ha ingaggiato una divertente collaborazione con i suoi follower: al grido di #yourturn ("tocca a te"), chiunque può completare il suo racconto con un altro tweet, e il software prosegue poi da quel punto.

Maestri umani. Ha imparato l'arte in un forum di Reddit dove gli utenti condividono racconti di case infestate e altre amenità. Per ora scrive cose tipo:

Ricordo il suo viso in uno sguardo di orrore, ed era agonia e malizia. Mi sentivo in trappola. Ero intrappolato in questo letto d'ospedale.

oppure

Il mio cuore sta battendo così velocemente che è un po' più corto del mio respiro. Credo di essere stata seguita. Non so che cosa mi sia successo, o perché ho avuto paura, ma ho bisogno di sapere perché. Ho bisogno di sapere che cosa è accaduto.

Nessun blocco dello scrittore. A parte qualche trascurabile problema logico e sintattico, la scrittrice in erba se la cava alla grande (chi apprezza i racconti in lingua originale può leggerli qui). In fondo, il significato "sinistro" emerge sempre. Finora Shelley è riuscita a produrre una storia da brividi composta da due o tre tweet ogni ora. I suoi temi preferiti rispecchiano i contenuti di quel che legge: morte, suicidi, gole squartate e arti mozzati.

27 ottobre 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us