Innovazione

Sergio Marchionne apre all'ibrido dal 2012

L'auto elettrica costa troppo ma arriva l'ibrido.

Dalla conferenza stampa tenuta dall'amministratore delegato FIAT Sergio Marchionne arrivano notizie divergenti per quanto riguardano gli impegni del Lingotto ad orientarsi verso motori maggiormente rispettosi della natura: da un lato c'è stata la conferma dell'arrivo di una prima automobile ibrida già nel 2012; dall'altro l'a.d. ha svelato problemi di non poco conto riguardo i mezzi elettrici, che ne mettono in discussione la realizzazione.

"Non sono così categorico nella valutazione della chiusura all'auto elettrica: c'e' un problema da risolvere che ha a che fare con il costo della vettura [...] se non riusciamo a gestirlo in maniera intelligente, credo che il futuro dell'auto elettrica sia in dubbio": queste le parole di Marchionne, che ci ricordano l'importanza della relazione costo/profitto, soprattutto in questo periodo di difficoltà economica mondiale. Nonostante questa parziale chiusura verso l'auto elettrica, FIAT riconosce l'importanza dello sviluppo di questo tipo di vettura, ritenendolo un passo essenziale per il futuro: a conferma di questo fatto l'amministratore delegato ricorda: "L'abbiamo fatto con la 500 come base di Know how per integrare i motori a combustione con quelli elettrici e tutte le trasmissioni, che stiamo installando nella Chrysler, nascono con la capacita' di essere ibride. Dobbiamo continuare in quella direzione perche' diventera' la soluzione andando avanti".

Purtroppo, però, Marchionne afferma che sarebbe preoccupato se l'unica soluzione per il futuro fosse l'auto elettrica: la sua preoccupazione è da intendere in termini di bilancio e non, ahinoi, di salvaguardia dell'ambiente.

Guarda le 10 tecnologie che trasformeranno la tua auto:

4 aprile 2011 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us