Innovazione

Secondo RIM era impossibile creare l’iPhone

Ecco cosa accadde nel 2007!

Nel lontano 2007 l’iPhone, secondo RIM, era un dispositivo impossibile da realizzare. Dalla presentazione fino all’uscita l’alta dirigenza della società canadese credeva addirittura fosse un grande bluff ma quando arrivò il primo smartphone di Apple in molti rimasero senza parole.

A parlare è un ex Dirigente di RIM, insomma uno di quelli che nel 2007 contava davvero tanto!

Alla presentazione le alte sfere di RIM ma anche di Microsoft e Nokia ritenevano impossibile uno smartphone con uno schermo touchscreen così grande ma rimasero molto scioccate al momento della presentazione dato che un display di quelle dimensione necessitava assolutamente di un processore di elevata potenza che avrebbe inciso notevolmente sull’autonomia del dispositivo.

L’arrivo del primo iPhone nei laboratori della società di Waterloo portò non poco scompiglio quando si resero conto che l’iPhone al suo interno era composto solamente da un’enorme batteria e una piccola scheda logica.

Alcune voci di corridoio associano l’arrivo dell’iPhone con la nascita del primo dispositivo BlackBerry completamente touch: il BlackBerry Storm, infatti proprio in quel periodo l’alta dirigenza di RIM ebbe numerose riunioni con i team di progettazione per dare alla luce uno smartphone dalle caratteristiche simili se non migliori.

Questa indiscrezione dimostrerebbe come lo smartphone di Apple sia arrivato con 5 anni di anticipo sulle conoscenze e sulle tecnologie in uso nel 2007 portando beneficio a tutte le società concorrenti!

28 dicembre 2010 Daniele Perotti
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us