Innovazione

Scienza e moda: la tinta termosensibile per capelli

Quando cambia la temperatura cambia anche il colore dei capelli: è meno resistente delle normali tinte, che però restano sempre noiosamente uguali.

Se c'è un problema che, da una certa età in poi, assilla buona parte della popolazione con qualche pelo in testa, e che può essere serio a qualunque età anche solo per vanità o desiderio di apparire, è quello della tinta dei capelli: non è mai quella che per davvero si vuole e, peggio ancora, quella "giusta" per un'occasione è inadeguata o meno che perfetta per un'altra. Adesso forse una soluzione c'è.

Si chiama Fire, "venduta" come la risposta definitiva al problema del colore dei capelli: una tintura che che cambia tono e colore a seconda della temperatura e che può assumere una gamma pressoché infinita di sfumature... Una tinta interattiva con l'ambiente!

Scienza fashion. I capelli cambiano dunque colore con l'asciugacapelli, passando dal chiuso all'aperto, spostandosi da una stanza all'altra: i ricercatori hanno ottenuto la tintura termosensibile alterando i legami molecolari tra i pigmenti utilizzati, in modo da innescare precise reazioni chimiche a temperature definite.

Il vantaggio? Uno per tutti: non dovrete più invitare il vicino di scrivania ad abbassare l'aria condizionata perché state gelando, i vostri capelli parleranno per voi. Ma per molti questo potrebbe anche essere un dettaglio secondario.

Quanto alla tinta, i creatori e distributori di questa invisibile tecnologia per la bellezza - la londinese The Unseen (l'invisibile...) - offre decine di sfumature di rosso e tanti altri colori pastello, tutti resistenti ad almeno qualche shampoo.

8 marzo 2017 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us