Fuochi d'artificio: come funzionano?

La chimica e la fisica che si celano dietro allo spettacolo dei giochi pirotecnici.

fuochi-artificio
|shutterstock

Il 2018 è ormai agli sgoccioli e l'anno nuovo, il 2019, bussa già alle porte. Come ogni Capodanno, in molte città del Pianeta si festeggerà la ricorrenza illuminando il cielo notturno con giochi pirotecnici. Ma a proposito di fuochi d'artificio, vi siete mai chiesti come funzionano? E che cosa c'è al loro interno?


Nella gallery che segue trovate tutti i segreti (o quasi) grazie ai quali chi produce i fuochi d'artificio riesce a ottenere forme e colori che ci lasciano ogni volta a bocca aperta.

 

 

Come varia l'effetto dell'esplosione? Dipende da come le pallline esplosive e la polvere pirica sono "confezionate" all'interno della bombe. Nella maggior parte dei casi, i tradizionali fuochi d'artificio rappresentano figure che descrivono alberi (come palme, salici) e fiori (girasoli, crisantemi ecc.). Ecco una gallery con una raccolta di "esemplari" fotografati in varie località del mondo, in occasione di ricorrenze, festival o competizioni.

 

Guarda anche questo video che spiega come si possono costruire delle semplici - ma prestate molta attenzione - fontanelle piriche.
 

 

31 Dicembre 2018 | Roberto Graziosi