Innovazione

Samsung prepara sensore 13 Mpx per smartphone

Sarà usato dall’anno prossimo.

di
iPhone 5 e Galaxy Note 2 sono i due smartphone del momento, anche se entrambi hanno deluso le aspettative per lo stesso motivo: la fotocamera. Tutta colpa di Sony e, così, Samsung ha deciso di sviluppare da sola un nuovo sensore da 13 Megapixel.

"Il Galaxy Note 2 avrebbe già dovuto avere un sensore da 13 Megapixel"
Impressioni di settembre - Prima è arrivato il Galaxy Note 2: bellissimo lo schermo, ottime le prestazioni e pratico il nuovo pennino, ma la fotocamera è la stessa già vista nel fratello minore Galaxy S III. Poi è stato il turno dell’iPhone 5: le dimensioni dello schermo sono cresciute, il processore è diventato ancora più potente e il sistema operativo iOS 6 ha portato grossi cambiamenti, eppure la fotocamera è rimasta pressoché immutata.

Fermi tutti - In entrabi i casi, insomma, il sensore si è fermato a 8 Megapixel: un valore di tutto rispetto, questo è certo, ma nulla di strabiliante come ci si sarebbe aspettati da giganti dell’elettronica del calibro di Apple e Samsung. Oltretutto, i rumors che avevano preceduto il lancio dei due dispositivi parlavano di nuovi sensori da 13 Megapixel, che avrebbe dovuto fornire Sony. La casa giapponese - o chi per lei - deve aver avuto qualche contrattempo e, così, i nuovi modelli sono rimasti bloccati alla fotocamera della generazione precedente.

Samsung balla da sola - Samsung in particolare non sembra aver gradito il rallentamento provocato da Sony e ha deciso di iniziare a muoversi in modo autonomo, per evitare che problemi simili possano ripetersi in futuro. È nato in quest’ottica il nuovo sensore da 13 megapixel, che la multinazionale di Seul sta preparando nei suoi laboratori coreani e che non sarà pronto prima dell’anno prossimo. Dovremo pertanto aspettare la seconda metà del 2013 prima di poter ammirare i nuovi smartphone che lo monteranno.

Foto più luminose - Non è trapelato quasi nulla al riguardo, al momento, a parte la risoluzione massima - 4.208 x 3.120 pixel - e la retroilluminazione attiva, che di fatto lo renderà un sensore di tipo BSI. Quest’ultimo dettaglio è forse il più interessante, perché contribuirà ad aumentare la qualità degli scatti, soprattutto in condizioni di scarsa illuminazione: d’altra parte, è risaputo che i flash integrati negli smartphone non fanno i miracoli e che l’apertura focale delle loro ottiche non è sempre adeguata.

LG a sorpresa - Dobbiamo, quindi, prepararci a un futuro con tanti MPixel in più, soprattutto nel settore della telefonia mobile? Sembrerebbe proprio di sì, anche se non sarà la sopraccitata Samsung ad aprire le danze. Oltre a Sony, che per prima ha raggiunto la vetta con il suo Xperia T, presentato all’IFA di Berlino, a breve si aggiungerà anche LG, che monterà lo stesso sensore da 13 megapixel nel suo phablet - neologismo che indica un ibrido tra smartphone e tablet, come il Galaxy Note - Optimus Vu.

Sony non fa distinzioni - Ti stai chiedendo come abbia fatto LG a ottenere questa fornitura in tempo utile e Samsung invece no? La risposta è semplice: Sony non ha fatto favoritismi tra le due aziende coreane, bensì si è basata sulle stime di vendita. La prima, infatti, ha richiesto un numero di pezzi nettamente inferiore alla seconda e, così, la casa giapponese è riuscita a evadere l’ordine senza problemi. La morale della favola è quasi paradossale: se solo Samsung avesse avuto meno successo, forse avrebbe potuto lanciare uno smartphone migliore. (sp)

IFA 2012 GALLERY: I MIGLIORI PRODOTTI PRESENTATI A BERLINO

17 settembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us