Focus

Indosseresti un robot per combattere contro altri esoscheletri giganti?

Enormi robot da indossare, che donano i superpoteri ai loro piloti: potrebbero essere i protagonisti di nuovi sport di combattimento del futuro.

Esoscheletri giganti, da 5 tonnellate di peso (pari a 3 o 4 autovetture!), indossati da atleti che si sfidano in prove di forza su un percorso a ostacoli: sembrano i robot protagonisti di un film di fantascienza (ma, come vedremo, di robotico hanno solo l'aspetto!) e sono parte di un progetto concretissimo di Jonathan Tippet, cofondatore di Prosthesis. Questo creativo ingegnere ha lanciato la sua idea su Kickstarter, dove sta raccogliendo fondi per creare una lega professionistica di questo nuovo sport, a metà strada tra le corse di camion, le gare di escavatori – molto popolari negli Stati Uniti – e la lotta tra dinosauri.

 

Forte da paura. Il team di Prosthesis ha già realizzato il primo esoscheletro funzionante: un'enorme macchina dotata di 4 zampe che le consentono di muoversi e due zanne che possono essere impiegate per sollevare, spingere e spostare...

Il pilota-atleta siede all'interno dell'esoscheletro, indossa i comandi su braccia e gambe e trasmette i propri movimenti agli arti robotizzati.

 

Tutto manuale. L'esoscheletro è totalmente meccanico ed è sprovvisto di qualunque tipo di sistema automatico che ne garantisca la stabilità o che, per esempio, ne impedisca il ribaltamento. Il controllo della macchina è interamente affidato all'abilità del pilota, che con i movimenti di braccia e gambe deve tenersi in equilibrio, avanzare, arretrare, cambiare direzione. Il risultato di questa singolare combinazione uomo-macchina è come minimo molto spettacolare: l'esoscheletro di Tippet è in grado di scavalcare ostacoli, sollevare automobili, trainare un camion. E, perché no, combattere contro suoi "simili". Tutte abilità facilmente utilizzabili in una nuova categoria di sport meccanizzati tutta da inventare.

 

Iscriviti anche tu. Ma chi decide di finanziare l'impresa di Tippet su Kickstarter, che cosa ottiene? Ovviamente dipende dalla cifra investita: da un adesivo dell'azienda per chi offre un paio di dollari, fino a 3 giorni di addestramento sull'esoscheletro per chi investe almeno 13.000 dollari. Oltre alla possibilità di diventare uno dei primi campioni di questa nuova disciplina.

 

27 agosto 2020 | Rebecca Mantovani