Innovazione

Robot a scuola di insicurezza

Insegnare a macchine e droni a dubitare delle proprie capacità potrebbe tenerli lontani dai guai, minimizzando i rischi di incidenti. Ecco i risultati dei primi esperimenti in questa direzione.

C'è una "vocina" che ci intima di non avventurarci in situazioni pericolose: per alcuni parla più forte che per altri, ma per tutti è l'istinto che ci mantiene in vita. I robot non ce l'hanno.

Il mondo reale è però pieno di ostacoli e imprevisti, e se anche le macchine potessero dubitare delle proprie capacità, diverrebbero forse più prudenti, riducendo eventuali guasti.

Valutazione dei rischi. In uno studio preliminare sui droni, un team di scienziati della Canergie Mellon University ha lavorato per "instillare nei velivoli" un senso di insicurezza e una forma rudimentale di introspezione. L'idea è di sfruttare l'intelligenza artificiale per affinare, nei droni, la capacità di predire gli esiti di future azioni.

In base alle immagini catturate dalla videocamera del robot, un algoritmo valuta se l'azione successiva finirà in un incidente. In pratica "predice" gli esiti di un'azione futura, una capacità molto diversa dalla semplice individuazioni di ostacoli: quello messo a punto dal team è più un sistema di comprensione dei pericoli, che di reazione ad essi.

Permetterebbe, per esempio, di evitare condizioni meteo che possano danneggiare i sensori, o luoghi troppo bui per il funzionamento della videocamera.

Risultati promettenti. Nei primi test, la capacità di "dubbio" ha permesso al drone di muoversi per un chilometro tra gli alberi di una foresta, più del doppio della distanza coperta dai droni che non avevano quell'algoritmo in funzione.

Quello della Canergie Mellon non è l'unico studio in questa direzione. I ricercatori di Microsoft stanno sperimentando il funzionamento simultaneo di diversi algoritmi implicati in processi decisionali. E hanno già messo a punto un sistema di intelligenza artificiale capace di valutare se l'umano con cui sta "parlando" ha bisogno di più tempo del previsto per elaborare una risposta.

5 agosto 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us