Innovazione

Quanti moderni "schiavi" lavorano per te?

Slavery Footprint ha sviluppato un'applicazione per calcolare quanti “schiavi” lavorano per te.

La schiavitù è una barbarie che nei paesi più ricchi è stata abolita molto tempo fa. Il concetto, purtroppo, resta attuale in alcune aree del mondo come Cina, Africa e Indonesia. Slavery Footprint ha sviluppato una web applicazione per scoprire quanti “schiavi” lavorano per mantenere alto il tuo stile di vita.

“La Cina guida la classsifica dei paesi che sfruttano di più la manodopera”

Diritti calpestati - Gli schiavi dell’era moderna sono costretti a lavorare un numero impensabile di ore, spesso legati per non tentare la fuga, e tutto per produrre beni e prodotti per soddisfare il nostro stile di vita. Se hai comprato recentemente un computer, uno smartphone, una maglietta o un qualsiasi altro oggetto, è molto probabile che siano stati prodotti fruttando la manodopera all'inverosimile.

Oro, cotone e caffè - Non c’è una differenza tra un brand o l’altro perché la “schiavitù” è a monte. Si tratta di persone impiegate, per esempio, per raccogliere e lavorare il cotone, scavare nelle miniere d’oro o tungsteno, o sottopagate per tostare i chicchi di caffè. Tutti questi beni che finiscono, prima o poi, nei nostri mercati e nei nostri negozi.

I tuoi schiavi personali - Noi non ce ne rendiamo conto ma, secondo le stime di Slavery Footprint, sarebbero 27 milioni gli schiavi lavorano per mantenere alto il nostro stile di vita. E la Cina, seguita dall’Africa e dall’Indonesia sono sul podio dei paesi che li sfruttano maggiormente. Il sito - che collabora con Call + Response attiva sul fronte dei diritti umani - ha anche sviluppato un’ applicazione molto provocatoria che calcola quanti moderni schiavi hai sfruttato personalmente (anche se indirettamente). (sp)

12 ottobre 2011 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us