Innovazione

Pyeongchang 2018: le Olimpiadi Invernali dei robot

8 robot si sono sfidati in una gara di slalom sulle stesse piste dei Giochi Olimpici Invernali per "umani": rotoloni a parte, non se la sono cavata male.

Si chiamano Rok-2, Alexi, Tibo e Skiro: sono alti poco più di mezzo metro e il freddo è uno dei loro peggiori nemici. Eppure questi quattro atleti sono stati i protagonisti di una delle gare più divertenti tra quelle disputate ai Giochi Olimpici Invernali di Pyeongchang, in Corea del Sud. I quattro "nanerottoli" sono i robot che, insieme ad altri loro simili, si sono sfidati sulle piste dell'Edge of Robot Ski Challenge, uno speciale slalom per automi organizzato nel contesto dell'olimpiade coreana.

Progettati per scivolare. A contendersi i 10.000 dollari di premio c'erano 8 robot, costruiti da università ed enti di ricerca. Per partecipare alla competizione le macchine dovevano avere caratteristiche ben precise: dovevano essere bipedi, dotate di giunture su ginocchia e gomiti, essere alte almeno 50 centimetri ed essere equipaggiate con fotocamere o altri sistemi di visione (per evitare gli ostacoli).

Olimpiadi invernali, Pyeongchang 2018, Robot Ski Challenge, Olimpiadi, sport
L'atleta di Taekwon V: 75 cm per 43 kg di peso.

La gara è stata in parte compromessa dalle temperature estremamente rigide che hanno messo in crisi gli atleti meccanici e costretto gli ingegneri a "vestirli" con tute da sci e maglioni, nel tentativo di evitare inopportuni congelamenti.

Il campione. Alcuni robot hanno terminato la gara ruzzolando lungo il pendio, ma in generale la manifestazione è stata un successo: ha vinto il team Taekwon V con un umanoide alto circa 75 centimetri che (lo diciamo per i nostalgici) solamente nel nome ricorda i non-transformer esperti nell'arte marziale del taekwondo (da cui il nome).

Dal punto di vista tecnologico la sfida è stata tutt'altro che semplice: «Abbiamo costruito un robot che utilizza 21 micro motori per imitare i movimenti di un essere umano sugli sci», spiega Sam Lee, responsabile di Mini Robot Corporation, «e di fotocamere e sensori per riconoscere il blu e il rosso delle porte sulla pista».

Olimpiadi invernali, Pyeongchang 2018, Robot Ski Challenge, Olimpiadi, sport
Olimpiadi: gli sport più strani (che ora non ci sono più).

Robot in crowdfunding. I robot che hanno partecipato alla gara dovevano essere capaci di risolvere in una frazione di secondo tre diversi problemi: identificare gli ostacoli, studiare una traiettoria e reagire ai cambiamenti di pendenza. Visti all'opera... sembravano bambini alla loro prima lezione di sci.

Alcune delle macchine in gara sono state costruite grazie ai finanziamenti raccolti in rete: sulla pagina Facebook dedicata alla manifestazione ci sono le loro storie e le schede con le caratteristiche tecniche (per lo più in coreano, supponiamo).

15 febbraio 2018 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us