Innovazione

«Pronto, chi non parla?». Il Garante contro le chiamate mute

Mai ricevuto una, o più, chiamate all'ora di cena senza che nessuno parli? Tranquilli, non è un molestatore. È un'azienda di telemarketing che cerca di capire i momenti in cui siete in casa. Ma da oggi avrà vita un po' più dura grazie al Garante per la Privacy.

Suona il telefono, rispondiamo e niente, telefono muto. Senza neanche quei rumori di fondo da “microfono aperto” e nessuno che parla. Può essere successo anche a voi. In effetti, non ha chiamato nessuno… di umano. Non siete gli unici: il Garante della Privacy ha ricevuto numerose segnalazioni. Ma cosa sono queste chiamate? Sono legali? Si possono evitare?

Software
Andiamo con ordine. Non si tratta di maniaci o di stalker: sono i software delle compagnie di call center che chiamano sequenze di numeri per vedere, in pratica, se qualcuno è in casa e a quale ora. Sulla base delle risposte (e i loro sistemi riconoscono se dall’altra parte c’è un umano o una segreteria), creano una profilazione dell’utente, cioè noi, e ci fanno contattare da un operatore in carne e ossa nel momento in cui - con la massima probabilità - siamo in casa. Solo che, da oggi, non potranno più farlo. O quasi.

Nuove regole
Il Garante della Privacy è intervenuto con un regolamento specifico: i call center dovranno tenere i tabulati delle chiamate mute per almeno due anni; le chiamate non dovranno restare mute per più di 3 secondi, trascorsi i quali o risponde un operatore o la chiamata si riaggancia da sola; non potrà essere del tutto muta, ma con rumori di fondo, brusii, suoni ambientali; e chi è stato chiamato (e distrubato) da una telefonata muta non potrà essere ricontattato prima di una settimana.

Dispositivo incompleto
Rimane però più di un dubbio sulla particolare efficacia e tutela di un regolamento del genere. Per esempio manca la possibilità di sapere - per ciascun utente - chi ci ha chiamato e, soprattutto, la possibilità di chiedere di non essere più disturbato con telefonate inutili e fastidiose.

20 novembre 2013 Carlo Dagradi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us