Innovazione

Qualche perplessità dopo che il primo paziente Neuralink ha giocato a scacchi "con la mente"

Noland Arbaugh, paralizzato dalle spalle in giù, ha giocato a scacchi muovendo il mouse del pc grazie all'impianto nel cervello Neuralink. Ma il mondo della scienza solleva qualche dubbio.

Proseguono i passi avanti del progetto Neuralink, entrato ormai da inizio 2024 in una nuova dimensione. Negli ultimi mesi, infatti, dopo l'annuncio del primo chip impiantato in un cervello umano dato lo scorso gennaio dalla società gestita e fondata da Elon Musk, sono stati divulgati diversi aggiornamenti inerenti i progressi di cui un anonimo paziente stava beneficiando. Ora, però, conosciamo il suo nome e sappiamo che il suo morale è alto.

Identità svelata. Si chiama Noland Arbaugh ed è un quasi trentenne dell'Arizona che, ormai da otto anni, è costretto sulla sedia a rotelle, paralizzato dalle spalle in giù a causa di un incidente acquatico avvenuto nel 2016. Il giovane statunitense è stato protagonista di un video pubblicato da Neuralink su X.com, una diretta streaming di circa 9 minuti, durante la quale lo si vede chiacchierare con un'altra persona e giocare a scacchi manovrando il cursore del computer con la mente. Già a febbraio, la stessa azienda aveva comunicato che il paziente era riuscito a muovere il mouse con il pensiero e, in effetti, nello stesso video si sente il ragazzo affermare di aver giocato anche a un altro videogame, Civilization VI, per otto ore di fila. Tuttavia, lo stesso Noland ha ammesso di trovarsi nella fase iniziale di un progetto che possiede un grosso potenziale ma presenta ancora alcuni problemi.

Giocare e passeggiare. I progressi pubblicizzati in questi giorni sarebbero stati possibili grazie all'innovativo approccio utilizzato dagli scienziati di Neuralink. Il chip wireless impiantato a Noland, infatti, riesce a registrare gli input provenienti dai singoli neuroni, escludendo la necessità che l'impianto sia collegato a un computer esterno, riducendo così una potenziale fonte di infezione e permettendo al contempo al giovane di svolgere tutte le attività che riuscirà a implementare, senza l'aiuto di alcun dispositivo.

Intanto, lontano dai riflettori mediatici, anche altri istituti stanno percorrendo la stessa via e sono riusciti a ottenere risultati altrettanto sorprendenti. Gli scienziati dell'École Polytechnique Fédérale di Losanna, per esempio, hanno consentito a un paziente paralizzato di camminare facendolo pensare ai movimenti coinvolti: è stato possibile inserendo nel cervello e nella colonna vertebrale del signor Gert-Jan Oskam congegni elettronici capaci di comunicare i suoi pensieri in modalità wireless alle gambe e ai piedi.

Scetticismo e critiche. Non si può infatti ignorare che la ricerca di Neuralink sia stata e sia tuttora bersaglio di scetticismo e controversie in ambienti scientifici e non.

Il PCRM ("Comitato dei Medici per una Medicina Responsabile") ha addirittura intentato causa all'azienda in seguito alla diffusione di alcune fotografie riguardanti i primi esperimenti svolti sugli impianti cerebrali, che avrebbero inflitto sofferenze inutili alle cavie animali. Altri scienziati che operano nello stesso settore, invece, hanno avanzato critiche per una presunta mancanza di trasparenza nello svolgimento delle operazioni, legate al fatto che il trial in questione non è stato neanche riportato negli archivi online degli istituti nazionali per la salute. Tim Denison, neuro-ingegnere dell'Università di Oxford, ha affermato su Nature: «La mia ipotesi è che la FDA e Neuralink stiano seguendo il manuale solo fino a un certo punto, ma non essendo il protocollo ancora registrato,  possiamo solo supporlo».

 

13 aprile 2024 Simone Valtieri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us