Innovazione

Polemiche da ogni dove per la nuova diga brasiliana

La diga Belo Monte in Brasile avrà ripercussioni sul territorio, sulla popolazione locale e anche sull'atmosfera.

La diga Belo Monte, sul fiume Xingu, in Brasile, ha alzato un gran polverone di polemiche proveniente da ogni dove: inanzitutto vi è il problema della massiccia deforestazione dell'Amazzonia, in secondo luogo vi sono critiche per lo spostamento coatto degli indigeni del luogo ed infine, ultima ma non ultima, vi sono le ripercussioni che riguardano l'effetto serra.

Dopo le numerose manifestazioni in tutto il mondo contro la creazione di questa enorme diga con annessa centrale idroelettrica, che sarà la terza più grande al mondo, il National Insitute for Amazon Research a Manaus, in Brasile, lancia quest'ultimo allarme di natura ecologica: questa struttura, infatti, potrebbe rilasciare nell'atmosfera grandi quantità di gas metano, pericoloso dal punto di vista dell'effetto serra. Inoltre, si creeranno ammassi di materiale in decomposizione lungo la diga, i quali rilasceranno ulteriori quantità di gas serra. Oltre al pericolo ambientale, vi sono anche altri punti focali della protesta: sarà necessario abbattere moltissimi alberi per lasciare spazio a questa costruzione e gli abitanti locali dovranno trovare altra sistemazione altrove (si ipotizza vengano coinvolte 30mila persone). Nonostante tutti questi problemi, il governo ha dato l'ok ed i lavori sono iniziati a Giugno: quando la costruzione sarà ultimata, si pensa nel 2015, la centrale produrrà più di 11mila megawatt di elettricità; il costo totale dell'operazione sarà di 16 miliardi di Dollari. (ga)

Il meglio del turismo eco-sostenibile

16 settembre 2011 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us