Innovazione

Perché una goccia d'acqua confonde il touchscreen?

Bastano un po' di pioggia o sudore per mandare in tilt lo schermo del cellulare: perché accade?

Succede perché l'acqua conduce elettricità, e altrettanto fanno le nostre mani. Quando tocchiamo lo schermo dello smartphone, una piccola carica elettrica viene trasferita al nostro dito, che chiude il circuito. Questa variazione di carica e voltaggio viene letta da una griglia di minuscoli elettrodi che localizzano il tocco; un software rileva la differenza di carica tra due elettrodi intersecanti e interpreta il segnale come un comando di avvio di un'azione (aprire una app o digitare un numero).

Un altro dito? È il principio dello schermo capacitivo: funziona in virtù del fatto che il nostro corpo, fatto per la maggior parte di acqua, è un ottimo conduttore di elettricità. Tuttavia, una piccola goccia d'acqua o di sudore può confondere la scena perché apre un altro canale di passaggio di elettricità: lo schermo può leggere quella goccia come un segnale di tocco, anche se non c'è stato alcun contatto.

minore confusione. Per ovviare al problema, negli ultimi anni si sono diffusi touchscreen nella variante self capacitance, che non considerano l'umidità alla stregua di un tocco. Leggono infatti la differenza di carica non tra due elettrodi, ma tra il punto del "contatto" e il terreno sul quale ci troviamo. Poiché le gocce non sono piantate a terra, il loro apporto non viene considerato.

16 giugno 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us