Innovazione

Perché in aereo i finestrini non sono (quasi) mai allineati con i sedili?

Errore di progettazione o scelta consapevole?

Vi sarà capitato di salire a bordo di un aereo e notare che spesso i finestrini non sono allineati perfettamente al sedile del passeggero. L’asimmetria è più o meno evidente a seconda del posto e del tipo di aereo. Che sia un errore di progettazione?


Nient’affatto. Più semplicemente, quando le compagnie aeree ordinano un nuove velivolo, o ne acquistano uno già esistente, nella fusoliera ci sono i finestrini ma non i sedili. Ci sono però dei binari, che permettono di aggiungere questi ultimi in un secondo momento, secondo layout diversi, forniti dalle compagnie aeree: il cosiddetto seating plan. In quest'infografica, per esempio, si vedono due diversi layout possibili sullo stesso aereo dell'Aeroflot.

La ragione per cui i sedili non sono allineati ai finestrini è che le compagnie aeree tentano di sfruttare tutto lo spazio disponibile, inserendo il più alto numero possibile di posti.

Tutto ciò spiega anche che la sensazione che lo spazio per le gambe si sia ristretto non è sbagliata: negli ultimi anni le compagnie aeree, per resistere alla crisi, hanno allargato lo spazio della categoria superiore, sui cui biglietti guadagnano di più, concentrando lo stesso numero di sedili della classe economica in meno spazio. Altre compagnie invece hanno semplicemente aumentato il numero di posti: togliere pochi – ma preziosi – centimetri tra una poltrona e l’altra, ha permesso alle compagnie aeree di guadagnare almeno una fila di posti aggiuntivi (ma c’è chi dice anche di più). È l’effetto collaterale dei prezzi low cost.

27 dicembre 2016 Eugenio Spagnuolo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us