Innovazione

Perché in aereo i finestrini non sono (quasi) mai allineati con i sedili?

Errore di progettazione o scelta consapevole?

Vi sarà capitato di salire a bordo di un aereo e notare che spesso i finestrini non sono allineati perfettamente al sedile del passeggero. L’asimmetria è più o meno evidente a seconda del posto e del tipo di aereo. Che sia un errore di progettazione?


Nient’affatto. Più semplicemente, quando le compagnie aeree ordinano un nuove velivolo, o ne acquistano uno già esistente, nella fusoliera ci sono i finestrini ma non i sedili. Ci sono però dei binari, che permettono di aggiungere questi ultimi in un secondo momento, secondo layout diversi, forniti dalle compagnie aeree: il cosiddetto seating plan. In quest'infografica, per esempio, si vedono due diversi layout possibili sullo stesso aereo dell'Aeroflot.

La ragione per cui i sedili non sono allineati ai finestrini è che le compagnie aeree tentano di sfruttare tutto lo spazio disponibile, inserendo il più alto numero possibile di posti.

Tutto ciò spiega anche che la sensazione che lo spazio per le gambe si sia ristretto non è sbagliata: negli ultimi anni le compagnie aeree, per resistere alla crisi, hanno allargato lo spazio della categoria superiore, sui cui biglietti guadagnano di più, concentrando lo stesso numero di sedili della classe economica in meno spazio. Altre compagnie invece hanno semplicemente aumentato il numero di posti: togliere pochi – ma preziosi – centimetri tra una poltrona e l’altra, ha permesso alle compagnie aeree di guadagnare almeno una fila di posti aggiuntivi (ma c’è chi dice anche di più). È l’effetto collaterale dei prezzi low cost.

27 dicembre 2016 Eugenio Spagnuolo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us