Innovazione

Paracadutista perde in volo l’iPhone, ma funziona ancora

Dopo un volo di 4000 metri funziona ancora!

Si tratta di un crash test non voluto e la sua casualità rende la prova ancora più interessante: un paracadutista perde di tasca il suo cellulare che, dopo uno schianto di 4 chilometri, funziona ancora.

“Dopo una caduta di 4000 metri, lo smartphone si è danneggiato ma non è mica morto”

Caduta involontaria – La storia l’ha raccontata a tutto il mondo la CNN: un cittadino americano con la passione per i lanci dall’aereoplano si è gettato nel vuoto con in tasca il suo iPhone 4. Purtroppo per lui la tasca non era chiusa, per cui il cellulare è uscito e ha affrontato un volo in caduta libera della durata di 4.000 metri.

Ritrovato col GPS - Una volta a terra il proprietario dell’iPhone ha cercato il suo dispositivo con l’applicazione GPS “Find my iPhone” usando il terminale di uno dei suoi compagni di lancio. Una volta trovato il punto di impatto dell’iPhone a circa un chilometro da dove è atterrato il gruppo di paracadutisti, ha provato a usarlo: lo schermo era pesantemente danneggiato dalla caduta, ma lo smartphone di casa Apple, un dispositivo notoriamente fragile, era ancora in grado di effettuare chiamate.

Ottima pubblicità? – Il fatto è stato raccontato dai media americani che, a dire il vero suo malgrado, hanno trasformato il signor McKinney da semplice paracadutista amatoriale a nuovo ed estremo tester per il dispositivo Apple. I danni all’iPhone sono stati i seguenti: il vetro che protegge lo schermo era distrutto, come anche parte delle plastiche esterne. Ma il telefono di casa Apple è comunque riuscito ad effettuare e ricevere alcune chiamate, anche la vibrazione e il collegamento Bluetooth andavano perfettamente. (pp)

Niccolò Fantini

20 luglio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us