OGarden Smart, orticoltura facile con l'orto indoor

La versione più cool di un orto da tenere in casa: frutti e verdure a "metro zero", e senza fatica.

OGarden Smart, l'orto domestico.

Vi piacerebbe poter mettere in tavola ogni giorno verdura fresca, a metro zero, coltivata senza sostanze chimiche e a basso costo? Addirittura, con la soddisfazione di averla prodotta voi, senza fatica, senza essere agricoltori e anche se vivete all'ultimo piano di un grattacielo nel cuore di una metropoli? Pronti: una start-up canadese ha realizzato OGarden Smart, il primo orto da salotto, dal quale ricavare - 365 giorni all'anno - insalata, pomodori, peperoni, erbe aromatiche... in totale una novantina di prodotti tra frutti e verdure.

 

alimentazione, ortaggi a chilometro zero, orto indoor, frutti, verdure, bio, orticoltura
Curiosità: 10 trucchi per un orto da favola. | régine debatty / Flickr

Il sistema è formato da una piccola serra, collocata nella parte inferiore del suo mobile, e da una grande ruota nella parte superiore. Poco più grande di un acquario, OGarden è progettato per ottimizzare il rapporto tra spazio occupato e "terreno coltivabile" e, a detta degli inventori, per potersi inserire in ogni tipo di contesto domestico come oggetto d'arredo e di design.

 

Dal seme al piatto. Il ciclo di coltivazione prevede due fasi: le piantine (o i semi) vengono collocate dentro la serra per tre settimane. Qui germogliano e crescono fino a quando sono pronte per essere spostate nella ruota, dove continueranno il loro ciclo di vita fino al momento giusto per essere colte e portate in tavola. Un sistema di led garantisce alle piante la corretta illuminazione a costi contenuti, mentre due vaschette di irrigazione assicurano sempre il giusto livello di umidità.

 

alimentazione, ortaggi a chilometro zero, orto indoor, frutti, verdure, bio, orticoltura
Curiosità: 12 orti e giardini (quasi) impossibili. | da Kickstarter

 

Comodo, pratico... fulminante! Secondo i progettisti OGarden è completamente autosufficiente, richiede al massimo 5 minuti di manutenzione alla settimana e permette un risparmio fino all'80% sulla spesa per i prodotti coltivati. È stato uno dei progetti di maggior successo sulla piattaforma di crowdfunding Kickstarter, finanziato addirittura oltre la richiesta in soli 6 minuti dalla presentazione.

26 Febbraio 2019 | Rebecca Mantovani