Nuovo record di velocità nella trasmissione dati

Lo ha stabilito un gruppo di ricercatori britannici: il primato spinge all'estremo le potenzialità dei sistemi di comunicazione ottici, ma non è ancora replicabile nella realtà quotidiana.

record-trasmissione-dati
|Pixabay/Creative Commons CC0

In Gran Bretagna un gruppo di ricercatori della University College London ha stabilito un nuovo record di velocità nella trasmissione dati mediante comunicazione ottica: ben 1.125 Tbps (terabit per secondo). Si tratta di un valore straordinariamente superiore rispetto alla velocità media globale di connessione (5,1 Mbps), una statistica che include picchi reali di 135,4 Mbps, registrati a Singapore nell'ultimo trimestre del 2015 (report di Akamai Technologies).

 

«Per fare un esempio, la velocità che abbiamo raggiunto consentirebbe di scaricare l'intera serie di Games of Thrones in alta definizione in meno di un secondo», ha spiegato il coautore della ricerca Robert Maher.

 

 

Super Banda Larga. Un sistema di comunicazione ottico sfrutta la luce come mezzo di trasmissione appoggiandosi su tre componenti: un trasmettitore, un canale che convoglia il segnale a destinazione ed un ricevitore. Per spingere la performance al limite, Maher e colleghi hanno fatto confluire un super canale (ovvero la somma di 15 canali contraddistinti da lunghezze d'onda differenti) in un super ricevitore a banda larga, capace di elaborare un messaggio unico dai segnali ottici ricevuti.

 

Un futuro ancora lontano. Il record della UCL rappresenta la prova tangibile di quanto potrebbero viaggiare velocemente le informazioni nelle reti di prossima generazione. Un super canale non è però attualmente riproducibile al di fuori di un laboratorio: per gli scienziati, la sfida principale rimane quella di impedire distorsioni del segnale ottico nelle trasmissioni che devono coprire lunghe o lunghissime distanze.

 

16 Febbraio 2016 | Davide Decaroli