Innovazione

Le impronte digitali diverse da individuo a individuo? L'intelligenza artificiale dice di no

Le impronte di diverse dita della stessa persona erano considerate uniche, ma secondo un'IA sarebbero simili e ben ricollegabili: una novità assoluta.

Ogni impronta è diversa dall'altra: è la regola aurea delle scienze forensi. Ora però uno studio delle impronte basato sull'intelligenza artificiale mette in dubbio questa granitica convinzione. Le impronte di diverse dita di un singolo individuo sarebbero in realtà molto simili e associabili a una stessa persona - solo che finora le guardavamo nel modo sbagliato.

Davvero scollegate? A lungo si è ritenuto che anche le impronte digitali di diverse dita di una stessa persona abbiano caratteristiche uniche e siano quindi molto difficilmente collegabili. Se per esempio un presunto assassino lascia impronte di dita diverse su due scene del crimine, queste due azioni risultano difficilmente collegabili dalle impronte soltanto. Un gruppo di scienziati della Columbia Engineering senza un background di scienze forensi ha voluto verificare la bontà di questo assunto con l'aiuto di un'IA.

È la stessa persona! Il team ha dato in pasto 60.000 impronte digitali pubblicamente disponibili su un database statunitense a un sistema di intelligenza artificiale chiamato deep contrastive network. Le impronte sono state inserite "a coppie": in alcuni casi appartenenti a due diverse dita di una stessa persona e in altri a persone diverse. Con il tempo l'IA è diventata sempre più capace di dire se le impronte appartenessero a uno stesso individuo, raggiungendo un'accuratezza sul singolo paio di impronte del 77% (ma anche maggiore quando le venivano presentate più coppie di impronte). La precisione ottenuta sarebbe già una decina di volte più elevata di quella attualmente possibile per le indagini forensi.

Guardate qui... La scoperta ha lasciato gli addetti ai lavori così basiti, che il paper ha dovuto bussare alle porte di più riviste scientifiche, prima di trovare un editor disposto a pubblicarlo e a coglierne il potenziale per il settore. Ma quali informazioni alternative ha valutato l'IA, per mettere in dubbio decenni di analisi forensi? Il sistema si è basato su un diverso tipo di marcatore delle impronte. Non sulle minuzie, ossia le discontinuità nelle creste (le "linee" in rilievo sui polpastrelli), bensì sul confronto tra gli angoli e le curvature dei vortici e degli anelli al centro dell'impronta digitale. Questi elementi sarebbero simili quando si hanno sotto gli occhi due impronte di diverse dita della stessa persona.

L'IA innova. Al di là delle novità che potrebbe portare per gli addetti ai lavori, la scoperta «è un esempio di come persino un'IA piuttosto semplice, con un dataset piuttosto normale che la comunità scientifica ha avuto a disposizione per anni, possa fornire intuizioni che avevano eluso gli esperti per decenni» dice Hod Lipson, tra gli autori.

14 gennaio 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us