Innovazione

Niente scansioni del cervello in tribunale

Niente scansioni del cervello in tribunale.

Niente da fare: lo scanner cerebrale non diventerà una prova giudiziaria. Jacktech ne ha parlato ieri e l’ultimo aggiornamento della notizia afferma che il nuovo strumento non sarà presente nei tribunali americani. Almeno in quella specifica causa.

“La richiesta di adeguamento tecnologico in un caso giudiziario è stata rigettata”

Niente scansioni della verità – La richiesta di poter utilizzare i risultati dello scanner a risonanza magnetica era arrivata da un avvocato di Brooklyn, che intendeva così documentare come il suo assistito stesse affermando l’assoluta verità. Purtroppo il giudice che ha in esame il caso ha rigettato l’utilizzo dello scanner fMRI, senza rispettare il consueto iter, in vigore nelle corti dello stato di New York, per decidere circa l’ammissibilità, o meno, delle prove.

Motivazione del diritto – In pratica il giudice ha sentenziato che è la sola giuria popolare a decidere se un testimone stia affermando il vero o il falso, infatti negli Stati Uniti è questo il compito istituzionale dei giurati, che sono chiamati dalla comunità proprio per giudicare questo. E, nel diritto angloamericano, anche la macchina della verità viene ammessa come prova solo in alcune sedi giudiziarie e in specifici casi.

Non è finita qui – Le scansioni per il cervello non compariranno dunque nella Corte Newyorkese, ma non è detta l’ultima parola. Forse in futuro lo scanner cerebrale verrà ammesso come innovativo strumento per la conferma della verità, infatti esistono altri casi in cui le scansioni fMRI (eseguite dall’azienda specializzata Cephos Corporation) potranno diventare una prova in tribunale.

6 maggio 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us