Innovazione

Niente scansioni del cervello in tribunale

Niente scansioni del cervello in tribunale.

Niente da fare: lo scanner cerebrale non diventerà una prova giudiziaria. Jacktech ne ha parlato ieri e l’ultimo aggiornamento della notizia afferma che il nuovo strumento non sarà presente nei tribunali americani. Almeno in quella specifica causa.

“La richiesta di adeguamento tecnologico in un caso giudiziario è stata rigettata”

Niente scansioni della verità – La richiesta di poter utilizzare i risultati dello scanner a risonanza magnetica era arrivata da un avvocato di Brooklyn, che intendeva così documentare come il suo assistito stesse affermando l’assoluta verità. Purtroppo il giudice che ha in esame il caso ha rigettato l’utilizzo dello scanner fMRI, senza rispettare il consueto iter, in vigore nelle corti dello stato di New York, per decidere circa l’ammissibilità, o meno, delle prove.

Motivazione del diritto – In pratica il giudice ha sentenziato che è la sola giuria popolare a decidere se un testimone stia affermando il vero o il falso, infatti negli Stati Uniti è questo il compito istituzionale dei giurati, che sono chiamati dalla comunità proprio per giudicare questo. E, nel diritto angloamericano, anche la macchina della verità viene ammessa come prova solo in alcune sedi giudiziarie e in specifici casi.

Non è finita qui – Le scansioni per il cervello non compariranno dunque nella Corte Newyorkese, ma non è detta l’ultima parola. Forse in futuro lo scanner cerebrale verrà ammesso come innovativo strumento per la conferma della verità, infatti esistono altri casi in cui le scansioni fMRI (eseguite dall’azienda specializzata Cephos Corporation) potranno diventare una prova in tribunale.

6 maggio 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us