Innovazione

Negli USA inizia la vendita del Kinect

Da oggi in vendita negli USA.

E venne il giorno... Se state già pensando ad un eventuale remake del penultimo film di Manoj N. Shyamalan, allora siete completamente fuori strada. Sappiamo benissimo che L'ultimo dominatore dell'aria ha lasciato tutti con l'amaro in bocca, ma il giorno che noi attendevamo con trepidazione era quello del lancio del nuovo Kinect per Xbox 360. Come vi avevamo anticipato, da oggi il rivoluzionario controller invisibile è in vendita nei negozi degli Stati Uniti ed all'esordio è accompagnato da ben 19 videogame differenti: questi, ovviamente, non sono inclusi nella confezione base da 150$, ma una gamma di titoli da subito così ampia è un segnale forte e positivo. Insomma, siamo al cospetto di un successo preannunciato di proporzioni planetarie.Tutto ha avuto inizio poche ore fa a New York, per la precisione nel Toys R Us di Times Square, dove sono arrivati i primi 3.000 pezzi, con una dotazione fuori dall'ordinario: oltre alla barra, nella confezione sono inclusi due giochi - Kinect Sports e Kinect Joy Ride - ed un anno d'abbonamento al servizio Xbox Live Gold gratis. Come se non bastasse, all'interno del negozio alcuni promoter inviati direttamente da Microsoft hanno distribuito gadget ed altri simpatici omaggi ai primi clienti. In Europa - Italia compresa - dovremo, invece, aspettare fino a mercoledì prossimo prima di poter mettere le mani sul Kinect, alla modica cifra di 149€, anche se fino al 2011 non supporterà i comandi vocali, che verranno tradotti ed introdotti solo in un secondo tempo. Una volta tanto, il mercato orientale verrà lasciato per ultimo, visto che in Asia il lancio è previsto per il 18 novembre. La casa di Redmond non nasconde una certa dose d'ottimismo e diffonde le sue prime stime, che se confermate saranno proprio da record: entro la fine dell'anno, è prevista la vendita di almeno 5 milioni d'unità, con un incasso complessivo di oltre mezzo miliardo di euro. Buona parte degli introiti dovrebbe arrivare proprio dagli utenti occasionali, che negli ultimi anni hanno contribuito in modo decisivo al successo della console più "anomala", ovvero la Wii, mentre hanno sistematicamente snobbato quelle più classiche, come appunto l'Xbox 360 e la PS3. Non si parla, quindi, d'inversione di tendenza, ma piuttosto di ampliamento d'orizzonti, sulla falsa riga di quanto ha già tentato di fare - per ora senza grande successo - Sony con il suo PS Move. Bisogna ammettere che quest'ultimo non ha introdotto nulla di nuovo rispetto a quanto già visto grazie a Nintendo, mentre il Kinect non ha né precedenti né analogie; ma, come sempre, sarà il mercato ad avere l'ultima parola.

Rimangono da sciogliere ancora un paio d'interrogativi: davvero il Kinect ha bisogno di stanze sufficientemente ampie per poter funzionare correttamente? Ed è altrettanto fondata la voce che lo vuole così sensibile al disordine? E' solo questione di ore, forse minuti e poi avremo le risposte che da tempo attendevamo; così, sapremo finalmente se varrà la pena mettersi in coda all'ingresso del negozio più vicino il prossimo 10 novembre. Nel dubbio, noi abbiamo già rispolverato tenda e sacco a pelo...

4 novembre 2010 Luca Busani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us