Navi in galleria: in Norvegia il primo grande tunnel navigabile

Sarà costruito sotto 500 metri di roccia e consentirà il passaggio di grandi cargo e navi passeggeri, che potranno così evitare uno dei bracci di mare più pericolosi del mondo.

C’è un tratto di mare in Norvegia così agitato e pericoloso da essere considerato tra i più insidiosi del mondo: si trova al largo della Penisola di Stad, nella parte occidentale del paese, e viene quotidianamente percorso dalle navi che si devono muovere tra i porti di Bergen e Ålesund.
Negli ultimi 60 anni in quelle acque si sono verificati 33 naufragi che hanno provocato la morte di 46 persone.
Recentemente il governo norvegese ha varato un progetto per la costruzione del primo grande tunnel navale al mondo che, passando sotto le montagne della penisola, permetterà alle navi mercantili e passeggeri di passare da una parte all’altra del lembo di terra in poco tempo e in assoluta sicurezza.

Ponti e altre meraviglie dell'ingegneria

Il tunnel attraverserà la penisola nel suo punto più stretto e sarà lungo circa 1700 metri. Sarà alto 33 metri, largo 23 e profondo 12: sarà il primo tunnel navale al mondo a consentire il passaggio di grandi cargo e navi da crociera.

Quando l'architettura diventa arte

Il primo progetto di tunnel risale al 1874, ma non fu mai realizzato per le difficoltà tecniche e gli enormi costi.

Sopra le navi che attraverseranno lo skipstunnel ci saranno circa 500 metri di roccia.

L'ABC degli architetti

La costruzione prenderà il via non prima del 2018 e dovrebbe durare 4 anni: il costo complessivo stimato è di circa 250 milioni di euro.

Le case più pazze del mondo

Il tunnel, oltre a garantire la sicurezza dei trasporti in tutta la zona ovest del paese, permetterà di snellire i trasporti e renderli più veloci ed economici: le navi infatti, potranno percorrere i 1700 metri di della galleria anzichè le centinaia di miglia nautiche necessarie a circumnavigare la penisola.

Il progetto, nonostante la sua imponenza, è stato accolto con favore anche dalle organizzazioni ambientaliste, perché consentirà alle navi di risparmiare ogni anno migliaia di tonnellate di carburante e relative emissioni di CO2 e altri inquinanti.

C’è un tratto di mare in Norvegia così agitato e pericoloso da essere considerato tra i più insidiosi del mondo: si trova al largo della Penisola di Stad, nella parte occidentale del paese, e viene quotidianamente percorso dalle navi che si devono muovere tra i porti di Bergen e Ålesund.
Negli ultimi 60 anni in quelle acque si sono verificati 33 naufragi che hanno provocato la morte di 46 persone.
Recentemente il governo norvegese ha varato un progetto per la costruzione del primo grande tunnel navale al mondo che, passando sotto le montagne della penisola, permetterà alle navi mercantili e passeggeri di passare da una parte all’altra del lembo di terra in poco tempo e in assoluta sicurezza.

Ponti e altre meraviglie dell'ingegneria
Approfondimenti