Innovazione

Nasce Cedric, il primo computer a nanotubi di carbonio

Bye-bye silicio: si apre ufficialmente l'era del carbonio nella progettazione elettronica. I primi, brillanti risultati ottenuti in un laboratorio USA.

Il primo computer costituito senza silicio ha visto la luce all'interno dei laboratori di Ingegneria della Stanford University.

A raccontare il passo che potrebbe scrivere una nuova pagina nella storia dell'informatica è un articolo apparso sulla rivista Nature: al posto dei tradizionali chip in silicio Cedric - così è stato ribattezzato il calcolatore - utilizza transistor realizzati in nanotubi di carbonio, lunghe catene di atomi di carbonio molto più efficienti nella conduzione di energia, e quindi potenzialmente più prestazionali.

Benvenuti nel nanomondo
VAI ALLA GALLERY (N foto)

Il prototipo è per il momento ben lontano da una brillante performance: opera solo su un bit di informazioni, riesce quindi a "contare" appena fino a 32. «In termini umani, è come se sapesse contare solo sulle dita di una mano e recitare l'alfabeto» spiega Max Shulaker, uno dei suoi ideatori. Ma, implementando la sua memoria, potrà essere in grado di svolgere qualunque compito, anche i più complessi.

Da tempo i ricercatori stavano cercando un modo per pensionare il silicio: mentre infatti l'industria elettronica va verso un crescente rimpiccilimento dei transistor (in modo da farne stare il maggior numero possibile all'interno di un chip, aumentando così la velocità di trasmissione delle informazioni) i circuiti in silicio di dimensioni minori richiedono più energia e generano calore. Una conseguenza deleteria, che mette in pericolo la salute delle altre componenti elettroniche.

Con i nanotubi in carbonio, già infinitamente piccoli - ne servono migliaia per eguagliare le dimensioni di un capello - il problema del surriscaldamento non sussite. E gli altri ostacoli alla sua adozione definitiva, come il mancato allineamento di alcuni nanotubi e il comportamento di alcuni come conduttori (e non come semiconduttori nei quali il passaggio di energia si può regolare) sono stati risolti. Il prossimo passo sarà far uscire Cedric dal laboratorio in cui è stato creato e rapportarlo al mondo reale, con le sue esigenze.

Ti potrebbero interessare anche:

La mini Monna Lisa realizzata con l'aiuto delle nanotecnologie
Nanorazzi per trasportare le medicine nel corpo umano
Ali di farfalla e nanotubi di carbonio per misurare il calore

26 settembre 2013 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Gli itinerari, gli incontri, i diari dei grandi viaggiatori del passato che, spinti da curiosità e muniti di audacia, hanno girato il mondo con una gran voglia di raccontare. Dall'instancabile Erodoto alla misteriosa Agatha Christie, dal mitico Marco Polo all'intrepida Nellie Bly fino agli scrittori globetrotter in anni più recenti: riviviamo insieme le loro avventure.

ABBONATI A 29,90€

Come funziona lo stress? Si tratta di un meccanismo biologico fondamentale: l’organismo entra in allarme e “scollega” la razionalità, ma domarlo si può. Inoltre: il massiccio e misterioso ritorno degli UFO; la scienza prova a decifrare il linguaggio degli animali; come mantenere in salute i 700 (!) muscoli del corpo; perché alcune canzoni diventano dei "tormentoni".

ABBONATI A 29,90€
È vero che il mare non è sempre stato blu? La voglia di correre è contagiosa? Perché possiamo essere crudeli con gli altri? Si possono deviare i fulmini? Che cosa fare (e cosa non fare) per piacere di più? Queste e tantissime altre domande e risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R.
 
ABBONATI A 29,90€
Follow us